" you wine magazine: Dove osano le vigne

mercoledì 20 marzo 2013

Dove osano le vigne

Dove osano le vigne. Venerdì (22 marzo) a Canelli la festa dedicata agli 800 vignaioli del Moscato che coltivano i sorì, filari epici più ripidi delle grandi scalate del ciclismo, dal Giro d’Italia al Tour de France


Ci sono vigne dove è perfino difficile stare in piedi, i trattori non possono entrare perché il terreno è troppo ripido. Sono i sorì, sui versanti meglio esposti delle colline e solo la tenacia degli uomini continua a mantenervi la coltivazione della vite ed in particolare del Moscato d’Asti, l’uva che fa nascere l’Asti docg.

E’ dedicata ai vignaioli dei sorì la festa-incontro che si terrà venerdì 22 marzo dalla 17,30 al cinema-teatro Balbo di Canelli.

Sarà un momento speciale di riflessione e riconoscimento che arriva al termine di una ricerca condivisa da tutte le componenti della filiera del Moscato d’Asti.

E’ un territorio dove operano oltre quattromila aziende che coltivano 9700 ettari di filari nei 52 comuni della zona a docg, lungo la fascia sud delle province di Asti, Alessandria e Cuneo.

L’accordo interprofessionale, che regola i rapporti tra le storiche Case spumantiere dell’Asti e i produttori di uva, con il ruolo di mediatore dell’assessore regionale all’Agricoltura, all’articolo 9 impegna le parti alla valorizzazione della qualità. Detta così, potrebbe apparire una promessa generica. Come valutare la qualità e l‘impegno di chi fatica tra i filari?

Grazie al lavoro della commissione qualità, presieduta dal direttore del Consorzio dell’Asti docg, Giorgio Bosticco, che aprirà l’incontro di Canelli, sentite e valutate le relazioni di un geologo (Claudio Riccabone), di un paesaggista (Roberto Cerrato) e uno storico della viticoltura (Lorenzo Tablino), è stata proposta e approvata una norma destinata a segnare una piccola concreta rivoluzione nel modo di riconoscere il lavoro dei vignaioli.

Per la prima volta, si è deciso che coloro che coltivano vigne con pendenza superiore al 50% avranno un premio di produzione extra, circa mille euro ad ettaro in più. Per capire che cosa significa tale pendenza basti pensare che le mitiche scalate del Giro d’Italia o del Tour de France, quelle dai nomi epici dal Mortirolo al Colle dell’Agnello, dall’Alpe d’Huez al Galibier, che hanno visto le imprese dei grandi campioni, hanno salite con pendenze tra il 20 e il tra il 25%.

La festa di Canelli è dedicata ai tanti vignaioli che nelle loro vigne, sotto il sole, al vento, con la macchina del verderame in spalla, lavorano tutto l’anno per arrivare al momento della vendemmia: quelle ceste di Moscato portate in cantina diventano un trofeo alla tenacia. Sono i grappoli dei sorì, un nome che in piemontese significa “soleggiato” e che ricorda il sorriso: “dove la vigna sorride al cielo”.

L’accordo ha stabilito il principio che una vigna in forte pendenza, dove è impossibile o quasi entrare con mezzi agricoli meccanici, è un patrimonio da tutelare e salvare.

La commissione, composta dai rappresentanti delle organizzazioni agricole, delle associazioni e dagli esponenti delle filiera del moscato, ha individuato 323 ettari di queste vigne epiche, suddivise in 1600 particelle catastali. Il 61% sono in provincia di Cuneo, il 35% in quella di Asti e il 4% nell’Alessandrino.

Alla festa di Canelli ogni coltivatore di “sorì del Moscato” riceverà un attestato e saranno premiati anche i “patriarchi” cioè i vignaioli con oltre 90 anni di età.

Sono 802 i coltivatori che si sono visti riconoscere dalla scorsa vendemmia il quid extra al prezzo dell’uva raccolta nelle loro vigne più ripide. Il premio a questi acrobati dei filari sarà complessivamente di 300 mila euro, una cifra che equivale ad un incoraggiamento a non mollare: tutto il mondo del Moscato ha bisogno di quelle vigne. Ne ha bisogno perché contribuiscono al fascino del paesaggio, alla salvaguardia del delicato equilibrio idrogeologico delle colline più alte e scoscese, alla storia della viticoltura che parte proprio da quei filari così difficili da coltivare, ma in grado di dare grappoli eccezionali per aromi e rese zuccherine.

Alcuni dei premiati saliranno sul palco del Balbo, intervistati dal giornalista Sergio Miravalle: racconteranno le loro storie e la loro vita di vignaioli.

Seguiranno gli interventi di tecnici ed esponenti del mondo del moscato, tra i quali Giovanni Bosco del Ctm, fra i primi a volere fortemente un premio alla qualità dei sorì.

I vignaioli saranno premiati dall’assessore regionale all’Agricoltura della Regione Piemonte, Claudio Sacchetto e dal presidente del Consorzio dell’Asti docg Gianni Marzagalli e dal sindaco di Canelli Mario Gabusi.

Al termine grande brindisi con l’Asti docg e il Moscato d’Asti docg che portano nel mondo il nome e l’immagine di questa terra.