" you wine magazine

domenica 10 marzo 2013

Nuova Zelanda, il boom del vino biologico

L’ultimo rapporto sull’agricoltura biologica, presentato al Parlamento, della Nuova Zelanda, ai primi di marzo, stima che l’intero settore è cresciuto del 25% negli ultimi tre anni, nonostante il periodo di recessione che sta investendo il mondo.

In questo processo, il settore vinicolo è all’avanguardia tanto che i vigneti coltivati biologicamente dal 2008 si sono quadruplicati. Inoltre, con la vendemmia 2012, oltre 100 vigneti, che rappresentano il 7,6% della superficie vitata nazionale sono già certificati.

Il fenomeno riguarda grandi società e aziende di nicchia che si stanno cimentando con le pratiche di coltivazione e di vinificazione all’insegna della sostenibilità.

Un grande ruolo sta svolgendo l’associazione di produttori
Organic Winegrowers New Zealand, che sta lavorando per diffondere e sostenere l’agricoltura biologica fornendo tutti i supporti per produrre vini eccellenti a costi contenuti impiegando solo prodotti naturali.

Questo sforzo è stato sostenuto dall’associazione New Zealand Winegrowers, che ha appoggiato la campagna degli Organic Winegrowers New Zealand “20 by 2020” cioè di arrivare a coltivare il 20% della superficie vitata nazionale entro l’anno 2020.

“La certificazione secondo gli standard internazionali richiede un sacco di fatica e di dedizione - spiega James Milton, il pioniere del biologico in Nuova Zelanda e oggi presidente dell’associazione - ma ne vale la pena.

E’ un modo fantastico per portare nel mondo il messaggio di un prodotto biologico e biodinamico coltivato in modo sostenibile”.