" you wine magazine

sabato 13 aprile 2013

Il White Russian e il Drugo: più che un cocktail, uno stile di vita

Il Drugo non è altro che il soprannome di Jeffrey Lebowski, probabilmente il parto più felice della fantasia dei fratelli Coen, protagonista del Il Grande Lebowski (1998). Il Drugo è l’archetipo dello hippie post-anni ’70: svogliato, pigro, disincantato, capace perlopiù di “aspettare” e di trovarsi nel posto sbagliato al momento sbagliato.

Aria pacifica incredibilmente trasandata tipica di chi non ha niente da perdere (tranne il suo tappeto che dava veramente un tono all’ambiente!), abbigliato con vestaglia, bermuda, sandali in gomma, palla da bowling.
E un Withe Russian.
Ognuno di noi, chi più e chi meno, ha un po’ di “Drugo” dentro di sé: potete trovarlo a fianco di quel briciolo di Elvis che ogni tanto si fa sentire.
Se vi affascina il bowling, unica attività pseudo-sportiva che vi permette di sbronzarvi sconsideratamente a suon di White Russian o se avete mai guardato qualcuno in faccia solo per dirgli “ma vaffanculo”, beh… allora forse un po’ di Drugo è in voi: sensazione di onnipotenza, no? Bene, è il momento migliore per preparare un White Russian. 
Ecco la ricetta del White Russian del Grande Lebowski.

  • Per prima cosa è indispensabile che la vostra mente sia assolutamente sgombra dal lavoro: smettete di lavorare; licenziatevi, prendetevi un anno sabbatico o semplicemente mezza giornata di riposo, ma è indispensabile che voi non lavoriate quando vi apprestate a preparare e bere questo cocktail.
  • Andate verso casa, prima però fermatevi ad acquistare gli ingredienti necessari: una bottiglia da  750 ml di Kahlùa o altro equivalente liquore al caffè, una bottiglia da 750 ml di Vodka, un cartone da un litro di latte, panna.
  • Una volta raggiunta la vostra dimora, dismettete gli abiti da lavoro e indossate quanto di più comodo vi mette a disposizione il vostro guardaroba, l’importante è che non siano presenti fibbie, cerniere o bottoni: qualcosa di facile da infilare e di veramente comodo.
  • Mettete sù un po’ di musica rilassante, tipo i canti delle balene in amore, ecco (qualsiasi cosa ma non gli Eagles!).
  • Preparatevi il White Russian: 2 parti di Vodka, 1 parte di Kahlùa, latte a e panna a piacimento. Servitevelo con ghiaccio.
  • Infilatevi nella vasca da bagno (se non l’avete andate dal vicino), versatevi addosso un po’ di bagnoschiuma per bambini, accendete qualche candela e godetevi il vostro White Russian.



Non so voi, ma personalmente la cosa mi conforta. E’ bello sapere che lui è in giro, che in ognuno di noi c’è un Drugo nascosto, che la prende come viene…