martedì 16 dicembre 2014

I lavoratori del cibo

I lavoratori del cibo in mostra a Milano
Le condizioni di vita e di lavoro delle campagne milanesi nel dopoguerra sono ricostruite nella mostra “I Lavoratori del cibo. Un racconto attraverso fotografie, parole e documenti”
  
I lavoratori del cibo

Un racconto attraverso fotografie, parole e documenti

mostra a cura dell’Archivio del Lavoro e Comune Milano | Cultura, Polo Musei Storici e Musei Archeologici

Museo del Risorgimento – via Borgonuovo, 23 - Milano

19 dicembre 2014-29 marzo 2015 – ingresso gratuito


  
Un percorso alla riscoperta l’identità culturale lombarda che recupera le tradizioni, i mestieri tipici delle cascine milanesi (famigli, bergamini, cavallanti, om de’ fer,braccianti e mondine) e le battaglie condotte dal sindacato per garantire ai lavoratori un’esistenza dignitosa.

Il materiale in mostra, sia fotografico sia documentale, è inedito e inesplorato e pertanto in linea con l’intento di riscoprire un patrimonio storico e culturale di grande importanza. La documentazione proviene dall’Archivio del Lavoro – Cgil Milano e in particolare dal fondo del fotografo Silvestre Loconsolo e dalle carte della Federbraccianti Cgil Milano.

All’impianto generale si aggiungono documenti e filmati dell’Archivio storico della Same-Deutz Fahr, indispensabili per descrivere la motorizzazione delle campagne.

Il percorso espositivo affronta in chiave storica il tema dei mestieri della campagna, delle condizioni di vita e di lavoro, dell’acquisizione dei diritti attraverso le battaglie sindacali e, infine, del processo di motorizzazione e innovazione delle campagne.

Fanno da corredo alcune interviste ai lavoratori agricoli,ai sindacalisti e agli imprenditori che restituiscono la vivacità di un settore in piena riscoperta; e alcuni attrezzi tipici provenienti dal Museo contadino della Bassa Pavese.

La mostra sarà una delle iniziative di accompagnamento all’esposizione internazionale ed è parte delle attività promosse dal Comune di Milano per Expo2015. Beneficia, inoltre, del prezioso contributo della Regione Lombardia e del patrocino della Camera del Lavoro di Milano e del Comitato scientifico Expo2015. 



Per maggiori informazioni: