lunedì 23 marzo 2015

La "cassa dei sogni" del broker enoico

LA FANTASIA DEL BROKER ENOICO? UNA “CASSA DA SOGNO” DI VINO ITALIANO

Tra la crescita dell’Italia enoica nel Liv-Ex, il benchmark del mercato secondario dei fine wines, e la classifica delle etichette più quotate di Wine-Searcher, il vero fattore premiante è sempre la qualità. I risultati dell’indagine WineNews per Vinitaly.

Il buon vino è senza dubbio tra i piaceri più grandi della vita, ma certe bottiglie, oltre che allo spirito, fanno bene anche al portafoglio.Dal Masseto al Barbaresco e al Langhe Sorì Tildin di Gaja, dall’Ornellaia al Sassicaia, dal Barolo le Vigne di Luciano Sandrone al Solaia, dal Messorio de Le Macchiole al Tignanello di Marchesi Antinori, fino al Redigaffi di Tua Rita: le quotazioni dei 10 brand italiani presenti sul Liv-Ex, il benchmark del mercato secondario dei fine wines, sono cresciute, negli ultimi 5 anni, del 21 per cento.

Un risultato da podio, dopo quelli di Borgogna e Champagne, capace di portare all’attenzione dei broker internazionali la bontà delle produzioni top del Belpaese anche in termini di redditività economica. Il vino si conferma così come uno dei migliori investimenti a lungo termine. Lo rivela l’analisi di WineNews condotta per Vinitaly, il salone internazionale di riferimento per vini e distillati in programma a Veronafiere fino a mercoledì 23 marzo (www.vinitaly.com).

Sotto la lente, performance e quotazioni delle etichette italiane da collezione, che vanno a comporre un’ideale “cassa da sogno”, fantasia di ogni broker enoico. Anche in un momento di recessione globale, con gli indici delle grandi denominazioni francesi che, nell’ultimo anno, hanno lasciato sul terreno tra lo 0,62% dello Champagne e il 4,02% delle etichette del Rodano, l’Italy 100, il sotto indice del Liv-Ex dedicato ai vini del Belpaese, è riuscito a mettere a segno un consolante +0,30 per cento. Merito, in particolare, del Sassicaia, protagonista delle grandi aste internazionali durante tutto il 2014, e capace di salire fino alla posizione numero 3 della Power 100 stilata da Liv-Ex insieme a The Drinks Business, dove si sono piazzati bene anche Ornellaia, Gaja e Masseto.

Ma nella “cassa dei sogni” c’è molto altro, come racconta la classifica di Wine-Searcher, il più seguito portale per la ricerca dei prezzi dei vini, al numero 1 della The Wine Web Power, la classifica dei siti web più influenti nel mondo di Bacco di Vinepair. Largo, allora, all’Amarone della Valpolicella Classico Riserva di Giuseppe Quintarelli, con una quotazione media di 723 dollari a bottiglia, seguito dal Masseto a 682 dollari, e dal Barolo Monfortino Riserva di Giacomo Conterno a 664. E ancora, il Barolo Falletto Riserva di Bruno Giacosa, a 575 dollari, il Brunello di Montalcino Riserva di Biondi Santi - Tenuta Greppo, a 561 dollari e il Brunello di Montalcino Riserva Case Basse di Gianfranco Soldera, a 472.

Nella top 10 della classifica, realizzata secondo le quotazioni di tutte le annate di ogni etichetta che si trovano sul mercato, estrapolate dal database di Wine-Searcher, che mette insieme oltre 50mila listini enoici, alla posizione numero 7 l’unico vino, tra i primi 10, che non arriva da Piemonte, Toscana o Veneto, ovvero il Refosco Calvari Colli Orientali del Friuli di Miani, a 452 dollari di quotazione media a bottiglia.

A chiudere la lista dei “magnifici dieci”, il Recioto della Valpolicella Vigneto di Monte Lodoletta di Romano dal Forno, a 432 dollari, al numero 8, seguito, al numero 9, dal Cabernet Vento Alzozero di Giuseppe Quintarelli, a 428 euro, e dal Barbaresco I Paglieri Chichet Paje di Roagna, al numero 10, con 425 dollari.

Vini da investimento, quindi, ma anche da sogno: se il mercato, con quotazioni che volano alle stelle, sia nelle aste che online, premia le grandi etichette italiane è soprattutto in virtù di una qualità sempre maggiore. È questa la vera scintilla in grado di accendere l’entusiasmo di collezionisti e wine broker, riconosciuta, ancora una volta, dalla Top 10 Liv-Ex Power 100 Average Scores, che prende in considerazione solo i punteggi di Robert Parker, fondatore di The Wine Advocate e tra le voci più influenti della critica gastronomica mondiale, relativi alle ultime cinque annate.

Sul gradino più alto c’è il Masseto, che con un punteggio di 97,6, frutto appunto della media delle ultime cinque annate in commercio, si mette tutti alle spalle. Sul podio, al terzo posto, anche Giacomo Conterno, che con il suo Barolo si ferma a 97,1 punti. Ancora Italia, e ancora Bolgheri, alla posizione numero 8 con l’Ornellaia a quota 96,6 punti, ex aequo con un altro Barolo, quello di Bruno Giacosa, sempre con 96,6 punti.

Nessun commento:

Posta un commento