venerdì 30 novembre 2018

Mercato del vino, Deloitte: l'Italia è il paese più competitivo del mondo

L'analisi di Deloitte per conto di FranceAgriMer, ha messo in evidenza l'Italia come Paese più competitivo del mondo. La ricerca presentata lo scorso novembre a Vinitech.




Lo studio a cura di Deloitte, una delle più grandi aziende di servizi di consulenza e revisione del mondo, ha preso in considerazione tredici paesi produttori di vino utilizzando 70 indicatori suddivisi in sei temi diversi da Deloitte per conto di FranceAgriMer per produrre una panoramica della concorrenza nel mercato mondiale del vino nel 2017.

Basando la sua ricerca sulle statistiche 2016, l'azienda ha presentato la sua 20a analisi macroeconomica. Sebbene la metodologia della versione 2017 sia cambiata, la classifica è praticamente la stessa, posizionando l'Italia al primo posto con un totale di 659 punti, seguita da vicino dalla Francia con un punteggio di 653. Al terzo posto la Spagna che, con 602 punti, scala la classifica dopo essere scesa al 5° posto nel 2016.

I tre paesi europei e i principali produttori mondiali sono sfidati da tre paesi dell'emisfero meridionale: Australia, Cile e Stati Uniti (rispettivamente terzo, quarto e quinto). Per il resto della classifica, FranceAgriMer mette in evidenza due paesi: la Cina, che ha uno dei più grandi vigneti del mondo, e la Germania, che è salita di tre posizioni rispetto alla classifica del 2016.

Il nostro Paese mantiene la sua posizione di leadership a livello mondiale grazie alla produttività dei vigneti, in particolare quelli del Prosecco. Altri fattori considerati sono l'ampiezza della gamma di vini in termini di categorie di prodotto, il packaging, i servizi e l'adattamento dei profili del prodotto per soddisfare la domanda. Inoltre, le vendite sono sostenute da una significativa quota di mercato delle esportazioni - pari al 40% della produzione - e da una ripresa dei consumi interni. Infine, l'adattamento al marketing e al packaging è considerato molto dinamico e come evidenziato da FranceAgriMer, i prezzi competitivi.

Lo studio mostra però alcuni punti deboli, vale a dire la dipendenza dell'Italia da tre mercati principali (Stati Uniti, Germania e Regno Unito), i suoi bassi margini di vendita e le dimensioni delle sue PMI, troppo piccole per essere realizzate in determinati mercati di esportazione.

Nessun commento:

Posta un commento