Passa ai contenuti principali

Il Lazio del vino, nasce "Piccoli Vignaioli Pontini", pionieristica "collettiva" degli artigiani del vino

Nasce "Piccoli Vignaioli Pontini", pionieristica "collettiva" di sette aziende vitivinicole che rappresenta il vino artigianale della Provincia di Latina. Primo obiettivo Vinitaly 2020.





Si è da poco costituita la prima collettiva del vino artigianale della Provincia di Latina. Un gruppo di piccoli viticoltori che rappresentano quella fascia produttiva che si ispira a una filosofia di fondo fatta di grande attenzione alla sostenibilità ambientale, al non utilizzo di chimica di sintesi, al rispetto del territorio e a un metodo di lavoro che riduce al minimo gli interventi in cantina, accompagnando un'uva necessariamente sana dalla vigna alla sua massima espressione in bottiglia.

"Piccoli Vignaioli Pontini" nasce in maniera spontanea, in un territorio unico che merita di essere valorizzato, attraverso una collettiva, oserei dire, oltremodo necessaria, ed opportuna a rappresentarlo. Sembra un miracolo, nel Lazio, non particolarmente avvezzo a fare squadra per un progetto comune. Così ecco che arrivano loro, tanti piccoli viticoltori e un'unica grande forza per affermare qualità e unicità dei vini prodotti.

Un territorio unico, dicevo, che grazie ai differenti microclimi e ad un terreno generoso, dalle differenti morfologie e peculiari caratteristiche, genera vitigni che rappresentano il vero punto di forza di queste realtà contadine: dalle varietà internazionali agli emergenti autoctoni (Abbuoto, Bellone, Cesanese, Moscato di Terracina e Nero Buono) che di fatto esprimono l'identità di questo territorio.

Le aziende vinicole che compongo questa importante iniziativa rappresentano diverse aree geografiche e comuni che narrano anche l'antichissima storia e tradizione vitivinicola della Provincia di Latina. Vite di piccoli vignaioli si mescolano quindi ai filari che in luoghi d'incanto pettinano la Pianura Pontina, le pendici dei Lepini, le sponde del lago di Fondi o che sulla costa godono dell'influenza benefica del mare. Aprilia, Cisterna, Cori, Latina, Terracina, Fondi ed Itri vengono così rappresentati da queste straordinarie attività produttive ricche di passione ed autenticità.

I sette piccoli vignaioli "fondatori" sono: Casal De Luca, G. Iachetti, Il Quadrifoglio, I Pàmpini, Le Anfore, Monti Cecubi e Tenute Filippi. Piccoli Vignaioli Pontini rimane aperto a tutte le micro aziende vitivinicole del territorio al fine di condividere, in amicizia e stima reciproca, progetti, percorsi e aspettative di un sempre auspicabile maggiore interesse del pubblico per il prodotto autentico locale.

L'entusiasmo trapela da questa pionieristica "collettiva" di cui sì, la regione Lazio sentiva il bisogno. Primo grande obiettivo sarà Vinitaly 2020 dove i "Piccoli Vignaioli Pontini" sbarcheranno insieme e si rappresenteranno in uno stand che presenterà l'eccellenza produttiva delle sette aziende vinicole fondatrici.

Commenti

Post popolari in questo blog

Lotta agli insetti alieni, Lycorma delicatula: un nuovo flagello della viticoltura mondiale. Uno studio indaga su comportamento e dispersione nell'ambiente

Uno nuovo studio statunitense per contrastare l'avanzata di un nascente insetto alieno candidato a diventare il nuovo flagello della viticoltura mondiale. Si tratta della Lycorma delicatula, un insetto dall'aspetto simile alla coccinella ma che a differenza di questa provoca danni consistenti ai vigneti. La Lanterna macchiata, così come viene chiamata dagli agricoltori, si è diffusa per la prima volta in Corea anche se originaria della Cina e ha già raggiunto, infestandoli, i vigneti della Pennsylvania. La lotta agli insetti alieni non permette soste, la ricerca si sta muovendo velocemente nel contrastare un nuovo flagello destinato a mettere sotto scacco la viticoltura mondiale. Si tratta della Lycorma delicatula, un insetto dall'aspetto simile alla coccinella, gli agricoltori la chiamano Lanterna macchiata, in inglese Spotted Lanternfly. Si è diffusa per la prima volta in Corea anche se è originaria della Cina. Nel 2014 ha raggiunto i vigneti della contea di Berks, in Pen

Musica e psicologia, cambia la percezione di consonanza e dissonanza: uno studio smentisce l'universalità del concetto di armonia di Pitagora

I risultati di una ricerca dell'Università di Cambridge, smentiscono l'universalità del concetto di armonia di Pitagora. Nascono apprezzamenti istintivi verso nuovi tipi di armonia. Lo studio pubblicato su Nature Communications. Un team di ricerca dell’Università di Cambridge, Princeton e del Max Planck Institute for Empirical Aesthetics, ha scoperto che nei normali contesti di ascolto, in realtà non preferiamo che gli accordi siano perfettamente all'interno dei rapporti matematici professati da Pitagora.  Il tono e l’accordatura degli strumenti musicali hanno il potere di manipolare la nostra percezione dell'armonia. I risultati dello studio ribaltano gli assunti di secoli di teoria musicale occidentale e incoraggiano una maggiore sperimentazione con strumenti provenienti da culture diverse. Secondo il filosofo greco Pitagora, la "consonanza" - una combinazione di note dal suono piacevole - è prodotta da relazioni speciali tra numeri semplici come 3 e 4. Rece

Scienza, sviluppato dispositivo per misurare il metanolo nel vino

Ricercatori svizzeri hanno sviluppato un dispositivo economico che rileva basse concentrazioni di metanolo nel vino. La nuova tecnologia può essere utilizzata sia da i consumatori che dai produttori ed è in grado di rilevare valori di metanolo in soli due minuti. Perdita di coscienza fino al coma, disturbi visivi fino alla cecità, acidosi metabolica. Sono i segni caratteristici dell’intossicazione da alcool metilico o metanolo. In piccolissime percentuali, l’alcool metilico, è un componente naturale del vino ma che se aumentato dolosamente, provoca danni permanenti, portando anche alla morte. E' bene ricordare che più di trent'anni fa e purtroppo proprio in Italia, si verificò il più grave scandalo nel settore del vino. Si tratta del triste episodio del "vino al metanolo" che nel marzo 1986 provocò 23 vittime e lesioni gravissime a decine di persone come la perdita della vista. Al quel particolare vino erano state aggiunte dosi elevatissime di metanolo per