domenica 26 aprile 2020

Coronavirus, OIV: l'emergenza Covid-19 dimezza le vendite di vino in Europa

La chiusura di bar e ristoranti per contenere la diffusione del nuovo coronavirus dimezza le vendite di vino in Europa. Anche se è probabile una nuova crescita una volta allentate le misure di sicurezza, la crisi porterà inevitabilmente cambiamenti irreversibili nel settore. La dichiarazione dell'Organizzazione internazionale della vigna e del vino. 





In Europa, la chiusura degli esercizi di distribuzione come ristoranti e bar potrebbe comportare una riduzione del 35% in volume e una riduzione di quasi il 50% nelle vendite. Lo ha dichiarato il direttore generale dell'OIV Pau Roca in una conferenza stampa sul webcast.

In un drammatico contesto come quello attuale, i paesi produttori europei, in particolare Francia, Italia e Spagna, hanno chiesto un aiuto urgente. Roca ha affermato che se anche la distribuzione si è spostata verso canali online, si prevede che il consumo complessivo diminuirà, insieme ai prezzi, colpendo il fatturato e la redditività dei viticoltori.

Con i profitti globali ai massimi storici dell'anno scorso, l'attuale contrazione nel settore vitivinicolo è paragonabile a quella osservata alla fine della seconda guerra mondiale. I paesi del Mediterraneo sono maggiormente colpiti in quanto dipendono fortemente da bar, ristoranti e locali all'aperto; ed è cosa certa che il turismo rimarrà limitato anche dopo l'abolizione delle misure di blocco.

Secondo quanto affermato da Roca, la cui organizzazione raggruppa i governi di 47 paesi produttori di vino, in questo momento tutti concordano sul fatto che il blocco ha avuto un effetto distruttivo, probabilmente irreversibile, a meno che non vengano presentate risorse pubbliche eccezionali per la ricostruzione. Mentre alcuni paesi stanno iniziando a riaprire i loro porti, è il caso della Cina, ad esempio, per il prossimo futuro lo scenario non lascia molto spazio all'ottimismo. I due maggiori mercati del mondo, Europa e Stati Uniti, potrebbero ridurre le loro importazioni. I flussi commerciali possono riprendersi con l'economia, ma possono verificarsi alcuni cambiamenti permanenti.

Il ministro francese dell'agricoltura Didier Guillaume ha affermato che i produttori di vino francesi sono stati soffocati a causa della pandemia e hanno chiesto un maggiore aiuto da parte dell'UE.

Il commercio internazionale del vino - valore globale delle esportazioni di vino - ha superato i 31,8 miliardi di euro ($ 34,4 miliardi) nel 2019, un nuovo record, come evidenzia l'OIV, con la Francia in testa con 9,8 miliardi di euro esportati. L'esecutivo dell'Unione Europea ha previsto che il consumo di vino nei 27 paesi del blocco è diminuito dell'8% nella stagione 2019/20 rispetto alla media degli ultimi cinque anni.

Nessun commento:

Posta un commento