" you wine magazine: Soul of Spanish Guitar, alla Sapienza di scena Pablo Sáinz-Villegas

mercoledì 2 novembre 2022

Soul of Spanish Guitar, alla Sapienza di scena Pablo Sáinz-Villegas

Si terrà il 5 novembre presso l'Aula Magna della Sapienza il concerto di Pablo Sáinz-Villegas, da molti ritenuto il successore del grande Andrés Segovia, che ci porterà nel mondo della chitarra classica spagnola, con brani dal suo ultimo album Soul of Spanish Guitar.




Tra le star internazionali che da sempre illuminano la programmazione dell’Istituzione Universitaria dei Concerti il 5 novembre alle 17,30 arriva in Aula Magna Pablo Sáinz-Villegas, da molti ritenuto il successore del grande Andrés Segovia (è il primo chitarrista in quasi quattro decenni ad essere stato invitato a esibirsi con la Filarmonica di Berlino), che ci porta nel mondo della chitarra classica spagnola, con brani dal suo ultimo album Soul of Spanish Guitar scritti da Albéniz, Granados, Rodrigo e Tárrega.

Pablo Sáinz-Villegas è considerato un ambasciatore della cultura spagnola nel mondo. Dal suo debutto con la New York Philharmonic ha suonato in più di 40 Paesi ed è stato invitato da orchestre come la Filarmonica di Berlino, la Chicago Symphony, la Israel Philharmonic, la Filarmonica di Los Angeles e l'Orchestra Nazionale di Spagna.

Inoltre è tra i  solisti più amati  da prestigiosi direttori, orchestre e festival, ad esempio nella scorsa stagione Sáinz Villegas ha debuttato al Grant Park Music Festival di Chicago davanti a un pubblico di 11.000 persone e alla Praça do Comercio di Lisbona con la Gulbenkian Orchestra.

Ospite di  alcuni dei palcoscenici più prestigiosi del mondo, tra cui la Carnegie Hall, la Philharmonie di Berlino, la Tchaikovsky Concert Hall di Mosca, il Musikverein di Vienna o il National Arts Center di Pechino , ha avuto il privilegio di suonare davanti ai membri della famiglia reale spagnola. 

Pablo Sáinz Villegas è artista esclusivo di SONY Classical. Instancabile promotore  del repertorio per chitarra classica spagnola, Pablo Sáinz Villegas ha realizzato numerose prime mondiali tra cui "Rounds", la prima composizione per chitarra del cinque volte premio Oscar John Williams.

Artista impegnato socialmente, Pablo Sáinz Villegas ha fondato nel 2006 il progetto filantropico "The legacy of music without borders", la cui missione è promuovere la comprensione tra le diverse culture. Grazie a questo progetto ha condiviso la sua musica con più di 32.000 bambini e giovani in Spagna, Messico e Stati Uniti. Pablo Sáinz Villegas è nato a La Rioja, nel nord della Spagna, e dal 2001 vive a New York.

Hanno scritto su di lui:

….la capacità di tradurre la tecnica in musica vera e propria… non si tratta solo di correre attraverso le note, concentrandosi sul farle uscire in ordine, ma di mettere insieme il tutto, di aggiungere un senso di coerenza, ….l’album di Villegas combina musica, musicalità e ingegneria del suono… (Bill Heck, Classical Candor) 

…Pablo conferisce una qualità distintiva a ogni nota. Un momento è oscuro e misterioso come lo stesso Segovia, il momento successivo porta potenti elementi di flamenco… e segue con letture altamente emotive di vecchie canzoni che rivelano nuove trame per l'ascoltatore attento. Per quanto riguarda la tecnica, Pablo è un maestro di tutto…:  possiede il rigore classico di Segovia, la musicalità di Julian Bream e l'abbagliante abilità tecnica di John Williams. Non c'è da stupirsi che Placido Domingo lo abbia definito "il Maestro della chitarra e un musicista straordinario”. Inoltre la gamma dinamica di Pablo è eccezionale…. (Brian Miller, Vivascene)


Soul of Spanish Guitar

Pablo Sáinz-Villegas chitarra

Isaac Albéniz Sevilla da Suite Española op. 47 

Enrique Granados Danza Española n. 10 (Danza Melancólica) op. 37 

Danza Española n. 5 (Andaluza) op. 37 

Joaquín Rodrigo Invocación y Danza – Omaggio a Manuel de Falla 

Francisco Tárrega Capricho Árabe 

Lágrima 

Adelita 

Recuerdos de la Alhambra 

Isaac Albéniz Torre Bermeja, da Piezas Características Op. 92 

Mallorca (Barcarola) Op. 202 

Asturias (Leyenda), da Suite Española Op. 47