Passa ai contenuti principali

SCIARANUOVA FESTIVAL. VINO E TEATRO ALL'OMBRA DEL VULCANO

AL VIA LA SECONDA EDIZIONE DI “SCIARANUOVA FESTIVAL” IL TEATRO IN VIGNA DI PLANETA SULL’ETNA 
INAUGURAZIONE VENERDÌ 29 LUGLIO.

Un proscenio naturale all'ombra del Vulcano, tra una pineta secolare e i terrazzamenti che un tempo erano vigneti, dove Planeta ha fortemente voluto e realizzato il proprio Teatro a cielo aperto. Quattro artisti, sotto la direzione di una siciliana innamorata della sua terra. Questa la formula della seconda edizione di “Sciaranuova Festival”, prodotto dall’azienda nella tenuta Sciaranuova a Passopisciaro (Castiglione di Sicilia).

Lo spettacolo inaugurale sarà venerdì 29 luglio: Vincenzo Pirrotta, grande narratore contemporaneo, porterà in scena il suo romanzo di formazione “All’ombra della collina”.

Sabato 30 luglio sarà il turno di Trizziridonna, con il concerto “A vucca ri l’arma”: tre donne, che tesseranno canti, leggende e malìe siciliane.

Fuori dal teatro, nella mattinata di domenica 31 luglio, Paola Pace e Valeria Di Chiara guideranno il pubblico in un'inedita “passeggiata poetica” alla scoperta di fiori e poesie “endemiche” del Vulcano.

Il programma del secondo fine settimana del Festival vedrà venerdì 5 agosto Massimo Verdastro portare in scena “Una Divina di Palermo”, dal poeta Nino Gennaro: monologo cult notturno, straziante, metropolitano.

Rosario Tedesco chiuderà il festival il 6 agosto con “Se dico Goethe”, una pièce sulle orme del poeta tedesco nel suo celeberrimo “Viaggio in Sicilia”.

Infine, lo stesso Rosario Tedesco condurrà domenica 7 agosto una passeggiata “In levare”, facendoci ripercorrere i passi di Goethe e altri poeti sull’Etna.

Gli spettacoli inizieranno al tramonto e saranno preceduti da un aperitivo con i vini Planeta.

Quando: il 29 e 30 luglio; il 5 e 6 agosto 2016.

Dove: nel “Teatro in vigna” a Sciaranuova, Passopisciaro (Castiglione di Sicilia).

Cosa: un progetto Planeta per l'arte e il territorio, con la direzione artistica di Paola Pace (note in allegato) e le scenografie di Valeria Di Chiara. Spettacoli di Vincenzo Pirrotta, Trizziridonna, Massimo Verdastro e Rosario Tedesco.

Per tutte le informazioni eventi@planeta.it +39 0925 1955465
 

NOTE DEL DIRETTORE ARTISTICO DEL FESTIVAL, PAOLA PACE

Per fortuna, per lungimiranza, per passione, anche questa estate ci ritroveremo all’ombra del Vulcano a condividere un Teatro di Poesia. Il Teatro in vigna ritorna più vivo che mai. Qui il Teatro e la natura nascono congiunti e al calar della sera corallina puoi ancora scorgere il dio che danza vorticoso tra i vigneti o Pan che urla il nome di Eco…

Già l’anno scorso ci siamo beati nel vedere il nostro pubblico crescere ed entusiasmarsi e condivido pienamente il concetto che esprime Diego Planeta nella videointervista Rai: ”proviamo a raccontare la nostra Sicilia mettendo da parte l'Io e sostituiamolo con un questo l’ha fatto la mia terra'”... Sì, funziona, potrei dire, questo Festival l’ha fatto la mia terra!

Per far questo, ho cercato attori-autori e cantanti-autori, mondi autonomi, che seppur soli, capaci di esprimere pienamente le diversità dell’anima variegata di questa nostra Sicilia.

Attori-autori dunque che portano avanti un Teatro di Poesia.

Il nostro unico timone che ci consente di veleggiare leggeri e sensati.

Tre soli e un trio.

Come spicchi di una mela-Sicilia, fresca e viva e reinterpretata.

Teniamo dritta la barra sul Teatro di Poesia dunque, qui, in questo avamposto di bellezza, e anche quest'anno vi apriremo un Teatro firmato con il cuore, tra le stelle ed il silenzio di lava dove la parola resta scolpita nella notte (e fiumi di vino popolano i nostri sogni).

Programma

29 Luglio con Vincenzo Pirrotta ed il suo romanzo di formazione“ All’ombra della collina”. Pirrotta, artista della scena contemporanea e grande narratore si è formato con il maestro Mimmo Cuticchio, di cui reinterpeta il mitico "Cunto".

Il 30 Luglio, un concerto per voci e tamburelli, Trizzididonna sono tre donne, musiciste che conducono una ricerca molto originale sui canti, leggende e malìe siciliane.

Si prosegue il 5 Agosto con Massimo Verdastro ed il suo monologo cult, “Una Divina di Palermo” dal poeta Nino Gennaro, una voce fuori dal coro, notturna, straziante, metropolitana.

Infine il 6 Agosto il viaggiatore e attore (un viaggiattore!) Rosario Tedesco ci condurrà sulle orme di Goethe narrandoci il suo viaggio che ripercorre il Viaggio in Sicilia in “Se dico Goethe”. Un’idea colta sostenuta da un paio di polpacci molto resistenti...!

Infine per concludere, due passeggiate domenicali Il 31 luglio e il 7 agosto, un'immersione nella natura dell’Etna ed un omaggio al suo genius loci:

31 luglio passeggiata “L’ Eco di Pan”: Paola Pace e Valeria Di Chiara vi guideranno in un’escursione alla scoperta di fiori e poesie “endemiche” del Vulcano.

Il 7 agosto passeggiata “In Levare”: il viaggiattore Rosario Tedesco capitanerà una passeggiata sull’Etna sulle orme di Goethe e altri poeti ma anche geologi…

Commenti

Post popolari in questo blog

Festival delle Scienze di Roma 2023 - Immaginari

Dal 18 al 23 aprile 2023 il Festival delle Scienze di Roma torna all’Auditorium Parco della Musica “Ennio Morricone” con la sua XVIII edizione. Incontri, conferenze, laboratori. Dal 18 - 23 aprile 2023. IMMAGINARI è il tema di questa edizione dedicata all’immaginazione, uno degli strumenti più potenti che ci permette di concepire opere d'arte, nuove tecnologie e ci consente di trovare soluzioni a problemi quotidiani. La scienza non sarebbe la stessa se non avessimo come alleata l’immaginazione per avviare ricerche e formulare ipotesi, interpretare dati e perseguire risultati migliori. Ed è dalle interazioni delle immaginazioni individuali che emergono gli immaginari condivisi che influenzano il modo in cui organizziamo le società. Oggi più che mai abbiamo bisogno di coltivare questi immaginari, per ripensare il presente e, soprattutto, plasmare possibili futuri. Da mercoledì 19 a sabato 22 aprile quattro incontri anche presso le Biblioteche di Roma, QUI IL PROGRAMMA . Prodotto dall

Lotta agli insetti alieni, Lycorma delicatula: un nuovo flagello della viticoltura mondiale. Uno studio indaga su comportamento e dispersione nell'ambiente

Uno nuovo studio statunitense per contrastare l'avanzata di un nascente insetto alieno candidato a diventare il nuovo flagello della viticoltura mondiale. Si tratta della Lycorma delicatula, un insetto dall'aspetto simile alla coccinella ma che a differenza di questa provoca danni consistenti ai vigneti. La Lanterna macchiata, così come viene chiamata dagli agricoltori, si è diffusa per la prima volta in Corea anche se originaria della Cina e ha già raggiunto, infestandoli, i vigneti della Pennsylvania. La lotta agli insetti alieni non permette soste, la ricerca si sta muovendo velocemente nel contrastare un nuovo flagello destinato a mettere sotto scacco la viticoltura mondiale. Si tratta della Lycorma delicatula, un insetto dall'aspetto simile alla coccinella, gli agricoltori la chiamano Lanterna macchiata, in inglese Spotted Lanternfly. Si è diffusa per la prima volta in Corea anche se è originaria della Cina. Nel 2014 ha raggiunto i vigneti della contea di Berks, in Pen

Scienza, sviluppato dispositivo per misurare il metanolo nel vino

Ricercatori svizzeri hanno sviluppato un dispositivo economico che rileva basse concentrazioni di metanolo nel vino. La nuova tecnologia può essere utilizzata sia da i consumatori che dai produttori ed è in grado di rilevare valori di metanolo in soli due minuti. Perdita di coscienza fino al coma, disturbi visivi fino alla cecità, acidosi metabolica. Sono i segni caratteristici dell’intossicazione da alcool metilico o metanolo. In piccolissime percentuali, l’alcool metilico, è un componente naturale del vino ma che se aumentato dolosamente, provoca danni permanenti, portando anche alla morte. E' bene ricordare che più di trent'anni fa e purtroppo proprio in Italia, si verificò il più grave scandalo nel settore del vino. Si tratta del triste episodio del "vino al metanolo" che nel marzo 1986 provocò 23 vittime e lesioni gravissime a decine di persone come la perdita della vista. Al quel particolare vino erano state aggiunte dosi elevatissime di metanolo per