Passa ai contenuti principali

“Prima del Torcolato” 2016


Al via a Breganze il 17 gennaio la XXI edizione della "Prima del Torcolato”  
Cantine aperte e festa in piazza per il ventunesimo “compleanno DOC” del Torcolato, vino dolce vicentino di antica tradizione enologica

È la “Prima” manifestazione enologica pubblica dell’anno civile. Si tratta infatti della “Prima del Torcolato”, ventunesima edizione, che si terrà come di consueto la terza domenica di gennaio.

I produttori della specialità dolce vicentina, molto rinomata, vi danno appuntamento a Breganze per festeggiare i ventuno anni di ottenimento della DOC per il Torcolato, prodotto da uva Vespaiola appassita, custodita gelosamente per mesi nel fruttaio, il locale della cantina dedicato a questa lavorazione.

I grappoli vengono sottoposti ad una torchiatura soffice, che darà solo 25/30 litri di mosto per ogni quintale di frutta ma ne uscirà un mosto senza uguali, squisito e dolcissimo, che contiene concentrati tutti gli aromi e i sapori caratteristici del vitigno: frutta gialla matura e scorza di mandarino, albicocche essiccate e datteri, fiori bianchi e miele. Gli stessi che si ritroveranno, dopo alcuni anni di affinamento in cantina, nel vino Torcolato.

In occasione della “Prima”, le uve dell’ultima vendemmia di tutte le cantine di produzione vengono spremute insieme in un antico torchio, alla presenza della Magnifica Fraglia del Torcolato, delle autorità e di un pubblico sempre più vasto, conquistato dalla manifestazione e dal Torcolato.

Sarà un’edizione ricca di iniziative, articolate durante l’intera giornata, quella organizzata dal Consorzio Tutela Vini DOC Breganze e dalla Strada del Torcolato e dei vini di Breganze. Sia al mattino che alla sera ci sarà la possibilità di partecipare ai “Fruttaio Tour - Scopri come e dove nasce il Torcolato” (orario 10-13 e 17-19), nelle cantine aderenti. Ciascuna attiverà visite guidate e degustazioni tematiche.

La festa in piazza vedrà sul palco la nomina dei nuovi confratelli della Magnifica Fraglia del Torcolato e il conferimento del titolo di Ambasciatore del Torcolato nel Mondo ad Andrea Rigoni della “Rigoni di Asiago”. L’onorificenza per il 2016 va a un grande vicentino, che ha dato risalto, con la sua attività, alla territorialità in chiave d’eccellenza. Per l’esercizio della funzione, gli sarà consegnato un corredo diplomatico, costituito da una cassetta contenente una bottiglia di Torcolato di ciascun produttore.

Durante lo svolgimento della cerimonia della “Prima del Torcolato”, che inizierà alle 14:45 con la sfilata della Magnifica Fraglia del Torcolato, in piazza Mazzini ci saranno anche banchetti con i prodotti tipici vicentini e tutti i sedici Torcolati prodotti dalle cantine DOC della zona.

Quest’anno una giuria di gastronomi valuterà inoltre il miglior abbinamento tra i vini rossi della DOC Breganze per il tipico Toresan breganzese, piccione di prima penna cotto allo spiedo, che assieme al Torcolato è emblema del patrimonio enogastronomico breganzese. Le quattro tipologie candidate sono Pinot Nero, Merlot, Cabernet eMarzemino, naturalmente DOC Breganze.

La spremitura si concluderà prima del tramonto, con la distribuzione alla piazza del mosto appena prodotto, in segno augurale per quella che si preannuncia come una splendida annata per il Torcolato.

Ecco il programma del “Fruttaio Tour - Alla scoperta di come e dove nasce il Torcolato 

Az. Agr. Ca' Biasi: “Artisti e degustazioni a km zero”: la cantina di Innocente Dalla Valle presenterà due tipologie di degustazione: un piatto salato abbinato al Groppello ed i dolci abbinati al Torcolato, con nuovi artisti ad intrattenere il pubblico.

Miotti proporrà le tre interpretazioni del Vespaiolo, sur-lie, fermo e Torcolato.

IoMazzucato organizza musica live con una degustazione “giro fritti” ed ostriche con il Torcolato.

Maculan: assaggi di specialità vicentine: il baccalà alla Vicentina, il formaggio di Asiago, i biscotti di Loison e il vino ovviamente DOC Breganze (Bidibi 2014, Pinot Nero “Altura” 2011 e Torcolato 2011), con un sassofonista come intrattenimento musicale.

Cantina Beato Bartolomeo: oltre a partecipare ad una visita guidata all’imponente bottaia, durante il Tour sarà possibile degustare i Toresani allo spiedo dell’Accademia del Toresan con polenta onta e zaleti con Torcolato. Sarà inoltre possibile partecipare ad una degustazione di una selezione di vini: il Vespaiolo Spumante Metodo Classico, il Vespaiolo “Savardo” 2015, Il Vespaiolo frizzante “spago” ed ancora Pinot Nero “Savardo”, Cabernet “Bosco Grande”, Merlot “Bosco Grande” per finire con il Torcolato.

Col Dovigo propone nella mattinata porchetta e patate fritte caserecce e calamari fritti al cartoccio; al pomeriggio ci saranno baccalà fresco in tempura, guancialetti di vitello al Torcolato, con musica dal vivo e DJ set nel finale. In degustazione ci saranno il Vespaiolo Spumante Perlena 2015, il Rivole 2014, il SUAM 2013 e il Torcolato 2011.

Vitacchio Emilio organizza un viaggio tra antichi vitigni di Breganze: oltre al Torcolato presenta due rarità enologiche come il Sampagna frizzante ed il Refosco dal peduncolo rosso. La degustazione sarà accompagnata da polenta e salame de' casa con dolci di pasta frolla e Torcolato.

Tenuta Bastia, “la perla della Pedemontana”, degustazione di Brut n° 10 con stuzzichini, Torcolato e cantucci.

Le Vigne di Roberto infine offrirà tre degustazioni con abbinamento: prosciutto crudo di Montagnana con “Prime bollicine”, soppressa del contadino con “Clivone” e Gorgonzola o Pecorino di fossa con Torcolato e miele di acacia o millefiori.

Commenti

Post popolari in questo blog

Festival delle Scienze di Roma 2023 - Immaginari

Dal 18 al 23 aprile 2023 il Festival delle Scienze di Roma torna all’Auditorium Parco della Musica “Ennio Morricone” con la sua XVIII edizione. Incontri, conferenze, laboratori. Dal 18 - 23 aprile 2023. IMMAGINARI è il tema di questa edizione dedicata all’immaginazione, uno degli strumenti più potenti che ci permette di concepire opere d'arte, nuove tecnologie e ci consente di trovare soluzioni a problemi quotidiani. La scienza non sarebbe la stessa se non avessimo come alleata l’immaginazione per avviare ricerche e formulare ipotesi, interpretare dati e perseguire risultati migliori. Ed è dalle interazioni delle immaginazioni individuali che emergono gli immaginari condivisi che influenzano il modo in cui organizziamo le società. Oggi più che mai abbiamo bisogno di coltivare questi immaginari, per ripensare il presente e, soprattutto, plasmare possibili futuri. Da mercoledì 19 a sabato 22 aprile quattro incontri anche presso le Biblioteche di Roma, QUI IL PROGRAMMA . Prodotto dall

Lotta agli insetti alieni, Lycorma delicatula: un nuovo flagello della viticoltura mondiale. Uno studio indaga su comportamento e dispersione nell'ambiente

Uno nuovo studio statunitense per contrastare l'avanzata di un nascente insetto alieno candidato a diventare il nuovo flagello della viticoltura mondiale. Si tratta della Lycorma delicatula, un insetto dall'aspetto simile alla coccinella ma che a differenza di questa provoca danni consistenti ai vigneti. La Lanterna macchiata, così come viene chiamata dagli agricoltori, si è diffusa per la prima volta in Corea anche se originaria della Cina e ha già raggiunto, infestandoli, i vigneti della Pennsylvania. La lotta agli insetti alieni non permette soste, la ricerca si sta muovendo velocemente nel contrastare un nuovo flagello destinato a mettere sotto scacco la viticoltura mondiale. Si tratta della Lycorma delicatula, un insetto dall'aspetto simile alla coccinella, gli agricoltori la chiamano Lanterna macchiata, in inglese Spotted Lanternfly. Si è diffusa per la prima volta in Corea anche se è originaria della Cina. Nel 2014 ha raggiunto i vigneti della contea di Berks, in Pen

Scienza, sviluppato dispositivo per misurare il metanolo nel vino

Ricercatori svizzeri hanno sviluppato un dispositivo economico che rileva basse concentrazioni di metanolo nel vino. La nuova tecnologia può essere utilizzata sia da i consumatori che dai produttori ed è in grado di rilevare valori di metanolo in soli due minuti. Perdita di coscienza fino al coma, disturbi visivi fino alla cecità, acidosi metabolica. Sono i segni caratteristici dell’intossicazione da alcool metilico o metanolo. In piccolissime percentuali, l’alcool metilico, è un componente naturale del vino ma che se aumentato dolosamente, provoca danni permanenti, portando anche alla morte. E' bene ricordare che più di trent'anni fa e purtroppo proprio in Italia, si verificò il più grave scandalo nel settore del vino. Si tratta del triste episodio del "vino al metanolo" che nel marzo 1986 provocò 23 vittime e lesioni gravissime a decine di persone come la perdita della vista. Al quel particolare vino erano state aggiunte dosi elevatissime di metanolo per