giovedì 8 maggio 2014

LA NOUVELLE VAGUE DEL VINO ITALIANO

LA NOUVELLE VAGUE DEL VINO ITALIANO AL COSPETTO DEL SIMPOSIO MONDIALE DEI MASTER OF WINE A FIRENZE DAL 15 MAGGIO
Sono 24 da 15 Regioni e rappresenteranno la ‘nouvelle vague’ del vino italiano all’8° Simposio mondiale dell’Institute of Masters of Wine che sarà di scena a Firenze (Palazzo dei Congressi) dal 15 al 18 maggio 2014



Sono 24 le cantine protagoniste di “Discovering the new Italy”, il "walk around tasting", che l’accademia di Londra, che forma i più influenti esperti di vino a livello globale, ha voluto inserire nel suo simposio quadriennale che si svolgerà per la prima volta in Italia, grazie alla partnership e al sostegno dell’Istituto del vino italiano Grandi Marchi. Selezionate da un panel di Master of Wine (l’elenco originale comprendeva oltre 70 nominativi), le 24 aziende enoiche proposte in degustazione sabato 17 maggio, presentano caratteristiche di originalità, innovazione e attrattività per i mercati internazionali: veri punti di forza per competere a livello globale e che i ‘maestri’ dell’istituzione londinese considerano propedeutici per entrare a far parte dei nuovi miti dell’enologia italiana a fianco dei grandi brand già consolidati. 

Discovering the new Italy darà la possibilità ai delegati presenti a Firenze di conoscere un’Italia del vino ancora inedita sui mercati internazionali e tutta da scoprire”, ha commentato Jane Hunt, MW.  “Nella valutazione delle singole aziende - ha proseguito Jane Hunt - abbiamo giudicato i progetti imprenditoriali di quei vigneron che hanno avuto un approccio produttivo innovativo anche nelle zone classiche, che hanno riscoperto, tutelato o rilanciato vitigni autoctoni a rischio di estinzione salvaguardando il terroir di appartenenza”.

Per Piero Antinori, presidente dell’Istituto Grandi Marchi: “L’evento Discovering the new Italy conferma che il Simposio dell’Institute of Masters of Wine sarà una grande opportunità per tutto il vino italiano. Il nostro ruolo esclusivo di major supporter dell’accademia di Londra è sempre stato improntato alla valorizzazione internazionale della tipicità e della qualità dei vini del nostro Paese che nel 2013 hanno superato i 5 miliardi di export. Una quota che possiamo e dobbiamo aumentare. Ma per farlo occorre estendere la conoscenza e la promozione del made in Italy enologico. E il Simposio dei Master of Wine va proprio in questa direzione”. 
 
Di seguito: elenco

Aziende  “Discovering New Italy”, sabato 17 maggio, ore 9
Azienda
Regione
Fattoria Bruno Nicodemi
Abruzzo
Lo Triolet di Marco Martin
Valle D’Aosta
Librandi Antonio & Nicodemo Spa
Calabria
Cantine Marisa Cuomo srl
Campania
Poderi Morini
Emilia Romagna
Azienda Agricola Hilde Petrussa Mecchia
Friuli
Ronchi di Cialla
Friuli
Prima Terra SRL (Walter de Batté)
Liguria
Perla del Garda
Lombardia
Cantine d'Uva
Molise
Cantine Cipressi Srl
Molise
Tenuta Santa Caterina
Piemonte
Azienda Vitivinicola Nervi Srl
Piemonte
Franco M. Martinetti
Piemonte
Vigneti Massa
Piemonte
Gianfranco Fino
Puglia
Tenute Dettori
Sardegna
Agricola Punica SpA
Sardegna
Azienda Passopisciaro
Sicilia
I Vigneri di Salvo Foti
Sicilia
Azienda Agricola Arianna Occhipinti
Sicilia
Azienda Agricola Cesconi
Trentino
Tenuta di Trinoro
Toscana
Poggio Argentiera
Toscana
 
Sponsor italiani 8° Simposio IMW, Firenze 15-18 maggio 2014: Agriventure; Consorzio Brunello; Consorzio Chianti Classico; IEM, International Exhibition Management; Toscana Promozione; Trentodoc; Sanpellegrino.
Istituto del Vino italiano Grandi Marchi: Alois Lageder, Argiolas, Biondi Santi Tenuta Greppo, Ca’ del Bosco, Michele Chiarlo, Carpenè Malvolti, Donnafugata, Ambrogio e Giovanni Folonari Tenute, Gaja, Jermann, Lungarotti, Masi, Marchesi Antinori, Mastroberardino, Pio Cesare, Rivera, Tasca D’Almerita, Tenuta San Guido, Umani Ronchi