venerdì 10 luglio 2015

IX^ Edizione Simposio Internazionale IVAS (In Vino Analytica Scientia)

Convegno IVAS, il vino è questione di chimica
Martedì 14 luglio al via la prima edizione italiana dell’evento di vitienologia organizzato dalla Fondazione Mach e dal Centro di Sperimentazione Laimburg

Duecentocinquanta studiosi da tutto il mondo riuniti per fare il punto sulla vitienologia. Martedì 14 luglio la Fondazione Mach e il Centro di sperimentazione agraria e forestale Laimburg organizzano la prima edizione italiana di IVAS (In Vino Analytica Scientia), un incontro internazionale patrocinato dall'Associazione europea per la chimica e le scienze molecolari (EuCheMS), dalla Società chimica italiana e dal Ministero delle politiche agricole, con il sostegno delle Province di Trento e Bolzano, della Regione e dell’Euregio. 

Quattro giorni alle Cantine Rotari per fare il punto sugli strumenti tecnici che assicurano la qualità di uva, vino e distillati, con 36 relazioni dei maggiori esperti di università e centri di ricerca mondiali.

Da martedì 14 a venerdì 17 luglio il Palarotari di Mezzocorona ospita la nona edizione - la prima in Italia - del simposio internazionale IVAS (In Vino Analytica Scientia), organizzato dalla Fondazione Mach e dal Centro di sperimentazione Laimburg. L’evento porterà in Trentino 250 delegati provenienti da 30 nazioni, per ascoltare le 36 relazioni selezionate tra più di trecento contributi arrivati agli organizzatori. Il programma, che comprende anche 225 posters, è stato costruito con la partecipazione dei rappresentanti di tutti i maggiori atenei e centri di ricerca a livello mondiale.

Nei quattro giorni di convegni si parlerà, tra le altre cose, dell’analisi chimica di vino, uva e liquori, di metabolomica, dell’autenticità dei prodotti, di chemiometria, di analisi sensoriale, senza tralasciare i riflessi delle diverse pratiche colturali sull’ambiente e sulla qualità del prodotto finiti. Verranno inoltre presentate le idee più innovative attraverso le quali i chimici contribuiscono a mantenere la qualità e la diversità dei vini in tutto il mondo.

Nella giornata inaugurale si partirà alle 9 con un workshop sulla metabolomica negli spazi della Fondazione Mach, mentre alle 14, al Palarotari, si terrà l’inaugurazione del convegno alla presenza del presidente FEMAndrea Segrè, del direttore del Centro Ricerca e Innovazione,Roberto Viola, e del direttore del Centro di Sperimentazione Laimburg,Michael Oberhuber.

Accanto al serrato programma dei lavori scientifici non mancheranno momenti di socializzazione, come il concerto del tenore Cristian Ricci, martedì pomeriggio. I delegati, inoltre, visiteranno alcune importanti aziende vinicole durante un tour di degustazioni.

Nessun commento:

Posta un commento