Passa ai contenuti principali

La Vendemmia del Cortona Doc

Cortona Doc: al via la vendemmia 2015 all’insegna di una buona annata
Sono positive le previsioni di annata fatte dalle aziende del Consorzio Vini Cortona

Nei vigneti di Cortona si raccolgono le prime uve (bianchi e Merlot). Per il Syrah, vitigno principe della Denominazione, si aspettano i primi di settembre. Il caldo di luglio ha compromesso l’eccellenza in vigna, ma il lavoro di questi giorni saprà sicuramente bilanciare sulla qualità finale.

Sarà una vendemmia all’insegna del calo delle uve raccolte quella che è già cominciata nel territorio della Denominazione della Cortona Doc. Mentre in vigna si raccolgono le uve bianche e i Merlot, le aziende del Consorzio Vini Cortona inviano le prime indicazioni circa l’annata in corso. Un dato condiviso è il calo delle quantità, che al momento è calcolato in previsione sul -10% rispetto allo scorso anno. Un calo dipeso soprattutto dalle alte temperature e la siccità che si sono registrati nel mese di luglio, uno dei più caldi degli ultimi cinquant’anni, e nei primi giorni di agosto. Meno quantità significa qualità migliore.

Anche se non sarà un’annata straordinaria, come si presentava fino al mese di giugno quando dal punto di vista climatico ed evolutivo il vigneto era perfetto, il 2015, se l'andamento climatico delle prossime settimane sarà favorevole, darà comunque dei buoni vini a Cortona. Entrando nei dettagli tecnici, l’annata 2015 ha visto la vegetazione delle viti in anticipo di circa una settimana rispetto alla media stagionale con una ottima cacciata e una buona fioritura. Il clima di giugno ha permesso anche una buona allegagione alla quale ha fatto seguito un’ottima invaiatura. Di grande livello anche la fase finale della maturazione delle uve, anche se il caldo di luglio ha costretto le aziende ha selezionare un minor numero di grappoli a scapito, come detto, della quantità finale delle uve raccolte. Nessuna malattia in vigna, con assenza di oidio, pochissimi attacchi di peronospora e tignola.

Il caldo comporterà anche un leggero aumento della gradazione delle uve, con un grado babo in media più alto di 2 o 3 punti rispetto alla media stagionale degli altri anni. E’ comunque ottima la previsione delle uve in raccolta. «Il clima degli ultimi anni è sicuramente il nostro peggior nemico – spiega il Presidente del Consorzio Vini Cortona, Marco Giannoni – ma la tecnica in campo e l’esperienza in cantina ormai fanno si che le aziende abbiano gli strumenti per fronteggiare eventuali picchi di caldo come ce ne sono stati quest’anno e pur incidendo sulla quantità, si riesce sempre a portare in cantina uve di livello qualitativo medio-alto».

Vendemmia a Cortona vuol dire anche impiego. Sono centinaia infatti gli avventizi, soprattutto studenti e giovani, che in questi giorni stanno contribuendo al lavoro delle aziende. Il vino a Cortona rappresenta infatti sempre di più un importante indotto economico. Dalla creazione della Doc Cortona le aziende si sono moltiplicate di anno in anno e il settore ha richiamato numerosi investimenti. Attualmente vengono prodotte in media oltre un milione di bottiglie all’anno, mentre il valore economico, con un fatturato medio che supera i 3 milioni di euro. Oltre 500 sono gli addetti ai lavori coinvolti, senza contare l’indotto (tra turismo e aziende artigiane) che rappresenta per questo borgo toscano. A livello di mercati nel 2014 la bilancia è protesa verso l’estero per il 60% circa. Usa, Nord Europa sono i principali mercati, ma sono in crescita il Canada, Brasile, Cina e Giappone. La restante fetta percentuale va in Italia, Toscana, Lombardia e Lazio in particolare.

Commenti

Post popolari in questo blog

Festival delle Scienze di Roma 2023 - Immaginari

Dal 18 al 23 aprile 2023 il Festival delle Scienze di Roma torna all’Auditorium Parco della Musica “Ennio Morricone” con la sua XVIII edizione. Incontri, conferenze, laboratori. Dal 18 - 23 aprile 2023. IMMAGINARI è il tema di questa edizione dedicata all’immaginazione, uno degli strumenti più potenti che ci permette di concepire opere d'arte, nuove tecnologie e ci consente di trovare soluzioni a problemi quotidiani. La scienza non sarebbe la stessa se non avessimo come alleata l’immaginazione per avviare ricerche e formulare ipotesi, interpretare dati e perseguire risultati migliori. Ed è dalle interazioni delle immaginazioni individuali che emergono gli immaginari condivisi che influenzano il modo in cui organizziamo le società. Oggi più che mai abbiamo bisogno di coltivare questi immaginari, per ripensare il presente e, soprattutto, plasmare possibili futuri. Da mercoledì 19 a sabato 22 aprile quattro incontri anche presso le Biblioteche di Roma, QUI IL PROGRAMMA . Prodotto dall

Lotta agli insetti alieni, Lycorma delicatula: un nuovo flagello della viticoltura mondiale. Uno studio indaga su comportamento e dispersione nell'ambiente

Uno nuovo studio statunitense per contrastare l'avanzata di un nascente insetto alieno candidato a diventare il nuovo flagello della viticoltura mondiale. Si tratta della Lycorma delicatula, un insetto dall'aspetto simile alla coccinella ma che a differenza di questa provoca danni consistenti ai vigneti. La Lanterna macchiata, così come viene chiamata dagli agricoltori, si è diffusa per la prima volta in Corea anche se originaria della Cina e ha già raggiunto, infestandoli, i vigneti della Pennsylvania. La lotta agli insetti alieni non permette soste, la ricerca si sta muovendo velocemente nel contrastare un nuovo flagello destinato a mettere sotto scacco la viticoltura mondiale. Si tratta della Lycorma delicatula, un insetto dall'aspetto simile alla coccinella, gli agricoltori la chiamano Lanterna macchiata, in inglese Spotted Lanternfly. Si è diffusa per la prima volta in Corea anche se è originaria della Cina. Nel 2014 ha raggiunto i vigneti della contea di Berks, in Pen

Scienza, sviluppato dispositivo per misurare il metanolo nel vino

Ricercatori svizzeri hanno sviluppato un dispositivo economico che rileva basse concentrazioni di metanolo nel vino. La nuova tecnologia può essere utilizzata sia da i consumatori che dai produttori ed è in grado di rilevare valori di metanolo in soli due minuti. Perdita di coscienza fino al coma, disturbi visivi fino alla cecità, acidosi metabolica. Sono i segni caratteristici dell’intossicazione da alcool metilico o metanolo. In piccolissime percentuali, l’alcool metilico, è un componente naturale del vino ma che se aumentato dolosamente, provoca danni permanenti, portando anche alla morte. E' bene ricordare che più di trent'anni fa e purtroppo proprio in Italia, si verificò il più grave scandalo nel settore del vino. Si tratta del triste episodio del "vino al metanolo" che nel marzo 1986 provocò 23 vittime e lesioni gravissime a decine di persone come la perdita della vista. Al quel particolare vino erano state aggiunte dosi elevatissime di metanolo per