Passa ai contenuti principali

Italia: Previsioni vendemmia 2015

Un sospiro di sollievo. Si preannuncia una buona vendemmia per i viticoltori del nostro Paese
Dopo un pessimo 2014 coltivatori e produttori italiani mantengono le dita incrociate

Secondo il reportage di Wine-Searcher, è ancora presto per parlare di qualità per l'annata 2015, ma i coltivatori italiani stanno tirando un sospiro di sollievo e contemporaneamente tengono le dita incrociate dopo la pessima vendemmia 2014. Sarà l'anno d'oro che tutti ci aspettiamo? 

In generale quest'anno, l'andamento in vigna è molto migliorato per i produttori di tutta Italia, i buoni livelli di pioggia nella prima parte della stagione, sono stati compensati dal caldo torrido nel mese di luglio. Fin qui, tutto bene, ma c'è comunque una certa preoccupazione tra i produttori riguardo l'intensità di calore, anche se le previsioni meteo indicano che sarà un agosto più fresco.

"Per ora non ci sono problemi", ha detto Leonardo Valenti, docente di viticoltura all'Università di Milano e consulente di importanti aziende in tutta Italia. "Le riserve idriche accumulate in inverno e primavera sono ancora attive. Naturalmente, i vigneti in terreni più leggeri potranno soffrire di più. C'è qualche accenno di maturazione precoce, ma, fatta eccezione per le uve base degli spumanti, che andranno vendemmiate a metà agosto, mi sembra che per il momento il raccolto sia regolare."

"Il calore ha fermato la respirazione nelle uve", ha aggiunto, "il che significa che la fotosintesi e il processo di maturazione è rallentato."

La maggior parte dei coltivatori sono felici di questa annata che è sicuramente migliore rispetto allo scorso anno, quando la pioggia, la grandine e le basse temperature in combinazione hanno portato al raccolto più basso degli ultimi 50 anni.

"I vigneti sono in buona salute, dal Piemonte al Friuli, dalla Sardegna alla Sicilia," ha dichiarato Donato Lanati, direttore del centro di ricerca Enosis-Wonder e consulente per diverse aziende vinicole. "I rendimenti sono buoni e porteranno una produzione abbondante. Le viti non sono sotto stress e l'invaiatura è avvenuta leggermente prima del previsto."

L'enologo toscano Carlo Ferrini è entusiasta di questa annata. "Lo stato di salute delle uve è perfetta, i vigneti sono in condizioni meravigliose Ma c'è troppo caldo e quindi spero che le temperature si abbassino un po': La vite è come noi esseri umani - con troppo calore ci si addormenta, e questa non è una buona cosa."

Giuseppe Caviola, uno dei produttori di maggior successo in Piemonte, è tranquillo e molto fiducioso per l'annata 2015. "L'inverno e la primavera hanno garantito una buona scorta di acqua e, nonostante le temperature, attualmente, mi limito a raccogliere un po' prima, ma è troppo presto per dirlo con certezza."

Emilio Falsini consultant per molte cantine in Toscana, Piemonte e Sicilia, si è detto sollevato. "Per il momento vedo solo una bella annata per queste tre regioni. Le viti sono in buona salute, non vi è alcun segno di siccità e pochi segni di maturazione precoce."

"Per ora le piante sono in buona salute," dice anche Valentino Ciarla, un giovane enologo che lavora in Sicilia, Toscana e Umbria. "Forse avremo una vendemmia anticipata, ma è ancora troppo presto per dirlo con certezza. Naturalmente si tratta di un anno che, se confrontato con il 2014, è oro."

Commenti

Post popolari in questo blog

Festival delle Scienze di Roma 2023 - Immaginari

Dal 18 al 23 aprile 2023 il Festival delle Scienze di Roma torna all’Auditorium Parco della Musica “Ennio Morricone” con la sua XVIII edizione. Incontri, conferenze, laboratori. Dal 18 - 23 aprile 2023. IMMAGINARI è il tema di questa edizione dedicata all’immaginazione, uno degli strumenti più potenti che ci permette di concepire opere d'arte, nuove tecnologie e ci consente di trovare soluzioni a problemi quotidiani. La scienza non sarebbe la stessa se non avessimo come alleata l’immaginazione per avviare ricerche e formulare ipotesi, interpretare dati e perseguire risultati migliori. Ed è dalle interazioni delle immaginazioni individuali che emergono gli immaginari condivisi che influenzano il modo in cui organizziamo le società. Oggi più che mai abbiamo bisogno di coltivare questi immaginari, per ripensare il presente e, soprattutto, plasmare possibili futuri. Da mercoledì 19 a sabato 22 aprile quattro incontri anche presso le Biblioteche di Roma, QUI IL PROGRAMMA . Prodotto dall

Lotta agli insetti alieni, Lycorma delicatula: un nuovo flagello della viticoltura mondiale. Uno studio indaga su comportamento e dispersione nell'ambiente

Uno nuovo studio statunitense per contrastare l'avanzata di un nascente insetto alieno candidato a diventare il nuovo flagello della viticoltura mondiale. Si tratta della Lycorma delicatula, un insetto dall'aspetto simile alla coccinella ma che a differenza di questa provoca danni consistenti ai vigneti. La Lanterna macchiata, così come viene chiamata dagli agricoltori, si è diffusa per la prima volta in Corea anche se originaria della Cina e ha già raggiunto, infestandoli, i vigneti della Pennsylvania. La lotta agli insetti alieni non permette soste, la ricerca si sta muovendo velocemente nel contrastare un nuovo flagello destinato a mettere sotto scacco la viticoltura mondiale. Si tratta della Lycorma delicatula, un insetto dall'aspetto simile alla coccinella, gli agricoltori la chiamano Lanterna macchiata, in inglese Spotted Lanternfly. Si è diffusa per la prima volta in Corea anche se è originaria della Cina. Nel 2014 ha raggiunto i vigneti della contea di Berks, in Pen

Scienza, sviluppato dispositivo per misurare il metanolo nel vino

Ricercatori svizzeri hanno sviluppato un dispositivo economico che rileva basse concentrazioni di metanolo nel vino. La nuova tecnologia può essere utilizzata sia da i consumatori che dai produttori ed è in grado di rilevare valori di metanolo in soli due minuti. Perdita di coscienza fino al coma, disturbi visivi fino alla cecità, acidosi metabolica. Sono i segni caratteristici dell’intossicazione da alcool metilico o metanolo. In piccolissime percentuali, l’alcool metilico, è un componente naturale del vino ma che se aumentato dolosamente, provoca danni permanenti, portando anche alla morte. E' bene ricordare che più di trent'anni fa e purtroppo proprio in Italia, si verificò il più grave scandalo nel settore del vino. Si tratta del triste episodio del "vino al metanolo" che nel marzo 1986 provocò 23 vittime e lesioni gravissime a decine di persone come la perdita della vista. Al quel particolare vino erano state aggiunte dosi elevatissime di metanolo per