venerdì 30 ottobre 2015

OIV. Produzione mondiale di vino

OIV: produzione mondiale 2015 di 275,7 milioni di ettolitri (+2%)
Italia primo produttore davanti a Francia e Spagna. Crescono gli Stati Uniti mentre l’Argentina perde il 12% sul 2014, rimanendo comunque al quinto posto davanti al Cile che guadagna un +23% sull'anno passato

L’Organizzazione Internazionale della Vigna e del Vino ha presentato questa settimana, in una conferenza stampa i primi dati sulla produzione mondiale di vino 2015. Secondo quanto dichiarato dal direttore generale dell’OIV, Jean-Marie Aurand, le stime indicano una produzione di 275,7 milioni di ettolitri, volume in crescita del 2% sul 2014.

E' l'Italia che vede l'aumento di produzione più grande con 48,9 milioni di ettolitri, in crescita del 10% rispetto al 2014, che guadagna quest’anno la prima posizione tra i paesi produttori, con un volume stimato di 48,9 milioni di ettolitri, seguita dalla Francia che ha prodotto 47,4 milioni di ettolitri, con un incremento di appena l'1% rispetto al 2014.

Terzo posto per la Spagna, con 36,6 milioni di ettolitri (-4%) che dopo l' eccezionale raccolto dello scorso anno, ha avuto una produzione "leggermente superiore alla media" con 36,7 milioni di ettolitri, in calo del 4% rispetto allo scorso anno. 

Portogallo e Romania hanno visto i volumi aumentare dell'8% e del 9%, rispettivamente, in aumento di 6.7 e 4.1 milioni di ettolitri - un buon risultato per Bulgaria dopo la brutta vendemmia 2014. In confronto, la Germania ha visto i volumi calo del 4% a 8,8 milioni di ettolitri, e la Grecia del 9% a 2,7 milioni di ettolitri.

Sostanzialmente in linea con i tre anni passati la produzione del settimo produttore al mondo, l’Australia, con 12,4 milioni di ettolitri; previsti invece solo 2,4 milioni di ettolitri per la Nuova Zelanda (18° produttore al mondo), -27% sull’eccezionale produzione 2014.

Il Sud Africa si è mantenuto ai livelli del 2014 a 11,3 milioni di ettolitri.

Per quanto riguarda i maggiori paesi produttori del Nuovo Continente, gli Stati Uniti (al 4° posto) fanno registrare una crescita di produzione dello 0,5% sull’anno precedente, raggiungendo 22,1 milioni di ettolitri. In calo del 12% la produzione di vino argentino (5° posto), stimata in 13,4 milioni di ettolitri, mentre dal Cile (al 6° posto) ci si aspetta un nuovo record, con 12,7 milioni di ettolitri (+23% sul 2014).

Nessun commento:

Posta un commento