Passa ai contenuti principali

"Stazione Tango, il tango come non lo avete mai ascoltato"

PALLADIUM, DOMENICA IN ESCLUSIVA DA PARIGI ORCHESTRA DI TANGO TUTTA AL FEMMINILE “ LES FLEURS NOIRES”
Con i ballerini di tango argentino Daniele Mazzanti e Flaminia Candelori
l tango è il frutto dell'incontro di tradizioni musicali provenienti da più continenti. La sua musica ha un carattere mondiale e il ballo è un momento di incontro, conoscenza, evasione e passione. Un'arte della seduzione profonda, uno stile di vita sotto forma di musica, danza e canzone...



"El tango crea un turbio
pasado irreal que de algùn modo es cierto,
el recuerdo imposible de haber muerto
peleando, en una esquina del suburbio".

Jorge Louis Borges


L’orchestra di tango “Les Fleurs Noires”, composta da dieci donne argentine e francesi, si esibisce per la prima volta in Italia domenica 23 novembre ore 19 presso il Teatro Palladium, Piazza Bartolomeo Romano 8.

Il centro di produzione Tango Argentino Guardianueva, in collaborazione con l'Università Roma Tre, presenta "Stazione Tango, il tango come non lo avete mai ascoltato", da un'idea di Daniele Mazzanti.

L’Unesco ha dichiarato il Tango Argentino patrimonio dell’umanità, un bene culturale immateriale perché “personifica sia la diversità culturale, sia il dialogo e pertanto merita di essere salvaguardato”.

“Nel variegato panorama dei gruppi musicali che si dedicano all’esecuzione e alla diffusione del tango argentino nel mondo – sostiene il maestro di Tango argentino Daniele Mazzanti - esistono delle orchestre che, per qualità dell’esecuzione, nulla hanno da invidiare alle orchestre ed ai gruppi da camera che si dedicano al repertorio cosiddetto classico.

Stazione Tango intende presentare proprio quelle orchestre internazionali di tango argentino che meritano di essere ascoltate in forma di concerto. E’ il caso dell’orchestra ‘Les Fleurs Noires’, ensemble franco-argentino con sede stabile a Parigi. Questo gruppo, oltre alla peculiarità di essere costituito interamente da donne (pianoforte, 3 violini, viola, violoncello, contrabbasso e 3 bandoneon), presenta un repertorio di composizioni originali.

La pianista e compositrice Andrea Marsili – continua Mazzanti - si distingue per il suo stile originale nel quale, un linguaggio che si potrebbe definire post-piazzolliano, viene superato e integrato con elementi e moduli ritmici mutuati dal repertorio moderno (Stravinskij, Bartok etc). Riesce così nell’impresa di restituire intatto il senso del Tango e dei suoi stilemi ritmici, come ad esempio il ritmo tipico della milonga, attualizzati nel loro significato unicamente ‘popolare’, ed usati come basi per una libera creazione attuale e contemporanea”.

Ma non sarà solo un concerto! Ad arricchire lo spettacolo anche esibizioni coreografiche dal vivo di tango argentino, con i ballerini Daniele Mazzanti e Flaminia Candelori, per non privare comunque il pubblico di tutto il fascino e l’emozione di questo ballo della seduzione. Prevendita: www.bookingshow.it Per Informazioni: 348-8108073

E per chi non potesse partecipare all’evento di domenica al Palladium, le musiciste dell’orchestra Les Fleurs Noires, sempre con interventi coreografici dal vivo, si esibiscono in un’anteprima anche sabato 22 novembre ore 21.00 presso l'auditorium del Forum Roma Sport Center. E a seguire milonga per tutti dalle 22.30 con musica dal vivo con il gruppo tipico argentino "Cuarteto Doble A" e il DJ Francesco Errico in trasferta da Bari.

Euro 15 concerto e milonga (primi 100 ingressi in prevendita) prenotazioni vinfratta@tiscali.it

Il concerto “Stazione Tango” sarà presentato venerdì 21 novembre ore 17.30 presso Roma Tre, Polo Dams aula B1- via Ostiense 133b Roma - nel corso del convegno “La cultura del tango argentino” con Andrea Marsili, Daniele Mazzanti e Susanna Nanni.



Commenti

Post popolari in questo blog

Festival delle Scienze di Roma 2023 - Immaginari

Dal 18 al 23 aprile 2023 il Festival delle Scienze di Roma torna all’Auditorium Parco della Musica “Ennio Morricone” con la sua XVIII edizione. Incontri, conferenze, laboratori. Dal 18 - 23 aprile 2023. IMMAGINARI è il tema di questa edizione dedicata all’immaginazione, uno degli strumenti più potenti che ci permette di concepire opere d'arte, nuove tecnologie e ci consente di trovare soluzioni a problemi quotidiani. La scienza non sarebbe la stessa se non avessimo come alleata l’immaginazione per avviare ricerche e formulare ipotesi, interpretare dati e perseguire risultati migliori. Ed è dalle interazioni delle immaginazioni individuali che emergono gli immaginari condivisi che influenzano il modo in cui organizziamo le società. Oggi più che mai abbiamo bisogno di coltivare questi immaginari, per ripensare il presente e, soprattutto, plasmare possibili futuri. Da mercoledì 19 a sabato 22 aprile quattro incontri anche presso le Biblioteche di Roma, QUI IL PROGRAMMA . Prodotto dall

Lotta agli insetti alieni, Lycorma delicatula: un nuovo flagello della viticoltura mondiale. Uno studio indaga su comportamento e dispersione nell'ambiente

Uno nuovo studio statunitense per contrastare l'avanzata di un nascente insetto alieno candidato a diventare il nuovo flagello della viticoltura mondiale. Si tratta della Lycorma delicatula, un insetto dall'aspetto simile alla coccinella ma che a differenza di questa provoca danni consistenti ai vigneti. La Lanterna macchiata, così come viene chiamata dagli agricoltori, si è diffusa per la prima volta in Corea anche se originaria della Cina e ha già raggiunto, infestandoli, i vigneti della Pennsylvania. La lotta agli insetti alieni non permette soste, la ricerca si sta muovendo velocemente nel contrastare un nuovo flagello destinato a mettere sotto scacco la viticoltura mondiale. Si tratta della Lycorma delicatula, un insetto dall'aspetto simile alla coccinella, gli agricoltori la chiamano Lanterna macchiata, in inglese Spotted Lanternfly. Si è diffusa per la prima volta in Corea anche se è originaria della Cina. Nel 2014 ha raggiunto i vigneti della contea di Berks, in Pen

Scienza, sviluppato dispositivo per misurare il metanolo nel vino

Ricercatori svizzeri hanno sviluppato un dispositivo economico che rileva basse concentrazioni di metanolo nel vino. La nuova tecnologia può essere utilizzata sia da i consumatori che dai produttori ed è in grado di rilevare valori di metanolo in soli due minuti. Perdita di coscienza fino al coma, disturbi visivi fino alla cecità, acidosi metabolica. Sono i segni caratteristici dell’intossicazione da alcool metilico o metanolo. In piccolissime percentuali, l’alcool metilico, è un componente naturale del vino ma che se aumentato dolosamente, provoca danni permanenti, portando anche alla morte. E' bene ricordare che più di trent'anni fa e purtroppo proprio in Italia, si verificò il più grave scandalo nel settore del vino. Si tratta del triste episodio del "vino al metanolo" che nel marzo 1986 provocò 23 vittime e lesioni gravissime a decine di persone come la perdita della vista. Al quel particolare vino erano state aggiunte dosi elevatissime di metanolo per