Passa ai contenuti principali

GIORNATE DEL PINOT NERO 2016

OLTRE 100 PINOT NERI IN DEGUSTAZIONE E UN PROGRAMMA DA INTENDITORI
Dal 30 aprile al 2 maggio tornano le Giornate altoatesine del Pinot nero, la manifestazione che da 18 anni celebra il Pinot nero. Protagonisti del programma: i Pinot neri dell’Oregon, il Trattmann di Cantina Girlan in verticale, il seminario sui segreti dell’uso della barrique.

Da SABATO 30 APRILE A LUNEDÌ 2 MAGGIO tornano le GIORNATE ALTOATESINE DEL PINOT NERO DI EGNA E MONTAGNA. L’appuntamento più atteso per tutti gli amanti del Pinot nero, che per tre giorni affollano Egna e Montagna.

I due piccoli centri della Bassa Atesina, in provincia di Bolzano, rappresentano il cuore della produzione altoatesina del Pinot nero, grazie ai meravigliosi vigneti posizionati sull’Altopiano di Mazzon (Egna) e nelle località Glen e Pinzon (Montagna), che dominano dall’alto la Valle dell’Adige.

Il pubblico di appassionati, esperti, enologi e vignaioli da tutta Italia e dai paesi di lingua tedesca, attende con curiosità e passione i banchi d’assaggio, le verticali e i seminari che ogni anno vengono proposti dal Comitato organizzatore dell’evento, con l’obiettivo di accrescere la cultura su questo nobile vitigno. Da questo intento nasce la formula del confronto fra i vini della medesima annata, quest’anno il 2013, grazie alla quale si ha la possibilità di accogliere nel proprio calice e valutare oltre 100 Pinot neri da tutto il mondo.

Per questa XVIIlª edizione il Comitato organizzatore ha messo a punto un PROGRAMMA davvero eccezionale:

SABATO 30 APRILE, alle ore 16, si aprono le danze con una degustazione verticale di altissimo livello, BEST OF TRATTMANN: sei annate di Pinot nero Riserva “Trattmann” della Cantina Girlan di Cornaiano (BZ). Si tratta del vino che ha vinto le due ultime edizioni del Concorso Nazionale del Pinot nero, abbinato alle Giornate. Le annate in degustazione sono: 2008, 2009, 2010, 2011, 2012 e 2013. La degustazione sarà condotta dall’enologo Gerhard Kofler, che presenterà anche dei campioni di botte dell’annata 2015 provenienti dalle uve dei diversi vigneti di Pinot nero della Cantina, ovvero Pinzon, Girlan, Mazzon e Mazzon Vigna Ganger.

(In lingua italiana e tedesca, solo su prenotazione – Posti limitati)

Due altri appuntamenti da non perdere sono in programma nelle mattine di domenica e lunedì.

DOMENICA 1 maggio, alle ore 9.30, degustazione guidata di Pinot neri provenienti dallo stato dell’OREGON. La patria statunitense del Pinot nero è ospite d’onore alle Giornate 2016 con i vini di un bel gruppo di aziende. Condurrà la degustazione Martin Kössler – Weinimport (D), uno dei maggiori esperti del settore.

(In lingua italiana e tedesca, solo su prenotazione – Posti limitati)

LUNEDÌ 2 maggio, alle ore 9.30, arriva il momento dedicato a tecnici ed esperti: il Seminario tecnico, attraverso il quale ogni anno si approfondiscono i metodi di vinificazione e le esperienze fatte con questo esigente vitigno in Francia e in altri luoghi del mondo. Quest’anno vi sarà ancora una volta un relatore di altissimo livello, Alexandre Hervé, direttore del Laboratorio VALMiS - Université de Bourgogne (F), che tratterà de “L’ESTRAZIONE DEL COLORE E L’USO DELLA BARRIQUE PER IL PINOT NERO”.

(In lingua italiana e francese, solo su prenotazione – Posti limitati)

DOMENICA 1 e LUNEDÌ 2 MAGGIO dalle ore 13 alle 21, saranno aperti i banchi d’assaggio dedicati al pubblico innamorato del Pinot nero. Oltre 100 saranno i Pinot neri, annata 2013, da poter degustare, confrontare fra loro e grazie ai quali allargare gli orizzonti della propria conoscenza. 70 sono i Pinot neri italiani provenienti da varie regioni e come ogni anno alcune decine sono quelli stranieri. Diversi saranno i continenti rappresentati: l’Europa con la Francia ma anche Austria, Germania e Svizzera, naturalmente gli Stati Uniti con l’Oregon a farla da padrone, e poi il Sudamerica.

Le otto ore di apertura dei banchi d’assaggio e l’accogliente e tranquilla Sala Culturale “Haus Unterland” posizionata nel centro storico di Egna (BZ), con comodi parcheggi adiacenti, permetteranno di dedicarsi con concentrazione alle degustazioni. Consigliate delle piccole pause, da trascorrere fra i portici del suggestivo centro storico di Egna che dista pochi passi.

È prevista invece per il 7 e 8 aprile, la degustazione che stabilirà la classifica del CONCORSO NAZIONALE DEL PINOT NERO 2016, giunto alla XVª edizione.

I 70 Pinot neri in competizione quest’anno saranno come sempre valutati alla cieca da una severa Commissione d’assaggio composta da 40 degustatori scelti fra enologi, operatori e stampa del settore vitivinicolo, suddivisi in 20 tavoli. Le due impegnative giornate di assaggi saranno coordinate da Ulrich Pedri del Centro Sperimentale Laimburg, la struttura che ha ideato il metodo di degustazione applicato: ogni coppia darà un giudizio per ogni vino degustato, i 19 giudizi verranno elaborati da un computer, e i vini con un punteggio superiore agli 80 punti (al massimo 15 vini) verranno ri-degustati il giorno successivo per stabilire il vincitore di questa edizione.

Peter Dipoli, fra i fondatori della storica manifestazione attira l’attenzione su un fatto interessante: “Negli ultimi mesi alcune importanti cantine altoatesine hanno scelto di puntare sul Pinot nero facendone il loro vino bandiera. Penso a Cantina Girlan con il Riserva Vigna Ganger e a Hofstätter con il Ludwig Barth von Barthenau Vigna Roccolo, entrambi ottenuti dalle uve di storici vigneti posizionati sull’Altopiano di Mazzon. Le due aziende, ritenendo questi Pinot neri capaci di esprimere al meglio i caratteri del territorio, li hanno posizionati in una fascia di prezzo di rilievo (oltre i 70,00 €) e credono nelle loro potenzialità di stare a livello dei migliori al mondo per questa varietà. La stessa strategia era stata seguita qualche anno fa per il lancio di alcuni grandi vini bianchi altoatesini, e notevole è stato il successo ottenuto. Mi fa piacere che ora sia la volta del Pinot nero, un vitigno che grazie ai suoi nobili cromosomi può dare vita ad un grande vino non solo in Borgogna ma anche a Mazzon”.

Info in breve:

Date: sabato 30 aprile, domenica 1 e lunedì 2 maggio 2016

Luoghi: banchi d’assaggio - sala culturale “Haus Unterland” - Largo Ballhaus 2, 39044 Egna (BZ)

altri appuntamenti - sala culturale “J. Fischer” – via S.Bartolomeo 15, 39040 Montagna (BZ)

Orario banchi d’assaggio: domenica 1 e lunedì 2 maggio 2016, dalle ore 13 alle 21
Annata in degustazione: 2013

Biglietto ingresso: € 25,00

PRENOTAZIONI APPUNTAMENTI 

I posti sono limitati. Le prenotazioni vanno effettuale con una mail a info@blauburgunder.it e saranno confermate dal pagamento della quota di partecipazione.

PROGRAMMA DETTAGLIATO QUI

Info e immagini anche su FaceBook - twitter: @Blauburgunder1 - Instagram: @blauburgundertage

hashtag: #blauburgunder #pinotnero

Commenti

Post popolari in questo blog

Festival delle Scienze di Roma 2023 - Immaginari

Dal 18 al 23 aprile 2023 il Festival delle Scienze di Roma torna all’Auditorium Parco della Musica “Ennio Morricone” con la sua XVIII edizione. Incontri, conferenze, laboratori. Dal 18 - 23 aprile 2023. IMMAGINARI è il tema di questa edizione dedicata all’immaginazione, uno degli strumenti più potenti che ci permette di concepire opere d'arte, nuove tecnologie e ci consente di trovare soluzioni a problemi quotidiani. La scienza non sarebbe la stessa se non avessimo come alleata l’immaginazione per avviare ricerche e formulare ipotesi, interpretare dati e perseguire risultati migliori. Ed è dalle interazioni delle immaginazioni individuali che emergono gli immaginari condivisi che influenzano il modo in cui organizziamo le società. Oggi più che mai abbiamo bisogno di coltivare questi immaginari, per ripensare il presente e, soprattutto, plasmare possibili futuri. Da mercoledì 19 a sabato 22 aprile quattro incontri anche presso le Biblioteche di Roma, QUI IL PROGRAMMA . Prodotto dall

Lotta agli insetti alieni, Lycorma delicatula: un nuovo flagello della viticoltura mondiale. Uno studio indaga su comportamento e dispersione nell'ambiente

Uno nuovo studio statunitense per contrastare l'avanzata di un nascente insetto alieno candidato a diventare il nuovo flagello della viticoltura mondiale. Si tratta della Lycorma delicatula, un insetto dall'aspetto simile alla coccinella ma che a differenza di questa provoca danni consistenti ai vigneti. La Lanterna macchiata, così come viene chiamata dagli agricoltori, si è diffusa per la prima volta in Corea anche se originaria della Cina e ha già raggiunto, infestandoli, i vigneti della Pennsylvania. La lotta agli insetti alieni non permette soste, la ricerca si sta muovendo velocemente nel contrastare un nuovo flagello destinato a mettere sotto scacco la viticoltura mondiale. Si tratta della Lycorma delicatula, un insetto dall'aspetto simile alla coccinella, gli agricoltori la chiamano Lanterna macchiata, in inglese Spotted Lanternfly. Si è diffusa per la prima volta in Corea anche se è originaria della Cina. Nel 2014 ha raggiunto i vigneti della contea di Berks, in Pen

Scienza, sviluppato dispositivo per misurare il metanolo nel vino

Ricercatori svizzeri hanno sviluppato un dispositivo economico che rileva basse concentrazioni di metanolo nel vino. La nuova tecnologia può essere utilizzata sia da i consumatori che dai produttori ed è in grado di rilevare valori di metanolo in soli due minuti. Perdita di coscienza fino al coma, disturbi visivi fino alla cecità, acidosi metabolica. Sono i segni caratteristici dell’intossicazione da alcool metilico o metanolo. In piccolissime percentuali, l’alcool metilico, è un componente naturale del vino ma che se aumentato dolosamente, provoca danni permanenti, portando anche alla morte. E' bene ricordare che più di trent'anni fa e purtroppo proprio in Italia, si verificò il più grave scandalo nel settore del vino. Si tratta del triste episodio del "vino al metanolo" che nel marzo 1986 provocò 23 vittime e lesioni gravissime a decine di persone come la perdita della vista. Al quel particolare vino erano state aggiunte dosi elevatissime di metanolo per