Passa ai contenuti principali

Eventi. “Future IPM 3.0”, in Trentino la settimana sulla sostenibilità in agricoltura e difesa delle piante

Presentato in conferenza stampa alla FEM il congresso in programma a Riva dal 15 al 20 ottobre.

Il Trentino Alto Adige Südtirol, fulcro della ricerca e dell'innovazione in materia di agricoltura sostenibile, si appresta ad ospitare uno dei più grandi eventi a livello internazionale. Si tratta del congresso “Future IPM 3.0” in programma dal 15 al 20 ottobre presso il Centro Congressi di Riva del Garda con una serie di workshop scientifici, conferenze, un incontro divulgativo col mondo produttivo e un concorso per i giovani. 

Obiettivo dell'evento, presentato in conferenza stampa oggi alla FEM., è presentare le più recenti conoscenze nel campo della produzione integrata in agricoltura e le future soluzioni tecniche, politiche ed economiche per l’agricoltura sostenibile in Europa, focalizzandosi anche su ciò che sta facendo il Trentino Alto Adige- Südtirol.

Sono intervenuti il direttore generale FEM, Sergio Menapace, il preside di Facoltà di Scienze e Tecnologie della Libera Università di Bolzano, Stefano Cesco, la dirigente dekl Centro Ricerca e Innovazione, Annapaola Rizzoli, la direttrice del Centro Agricoltura Alimenti Ambiente, Ilaria Pertot, il coordinatore del Dipartimento Filiere Agroalimentari, Sperimentazione e Servizi Tecnologici del Centro Trasferimento Tecnologico FEM, Claudio Ioriatti, la portavoce nonché responsabile relazioni pubbliche e gestione eventi del Centro di sperimentazione Laimburg, Franziska Maria Hack.

Nel corso della conferenza stampa sono stati presentati anche alcuni esempi di ricerca e trasferimento tecnologico volti ad una agricoltura più sostenibile.

L'evento

 A Riva del Garda dal 15 al 20 ottobre si svolgerà la settimana della sostenibilità in agricoltura e difesa delle piante. Si susseguiranno una serie di eventi dedicati al tema della sostenibilità dell’agricoltura con particolare riferimento alla difesa delle piante. Il convegno è organizzato nel rispetto della sostenibilità evitando lo spreco alimentare e di risorse, utilizzando, dove possibile, materiali riciclabili e a bassa impronta carbonica. 500 i ricercatori iscritti provenienti da 37 paesi.

Congresso IOBC

La settimana si aprirà domenica 15 ottobre con l’assemblea generale dell’Organizzazione internazionale per la difesa integrata ed il controllo biologico (International organization forbiological and integrated control; IOBC-wprs). Quest’organizzazione, che raggruppa ricercatori, tecnici ed agronomi è particolarmente attiva nei paesi europei, nord Africa e Medioriente, ed è composta da numerosi gruppi di lavoro che definiscono le linee guida della difesa integrata in agricoltura e presentano le ultime novità della ricerca nel settore. Quest’anno si terrà a Riva del Garda l’assemblea generale dei membri dell’organizzazione.

16 ottobre, incontro tecnico col mondo produttivo trentino

Lunedì 16 ottobre ci sarà un’intera giornata dal taglio divulgativo dedicata al dibattito sull’agricoltura sostenibile per il pubblico italiano, che conta più di 200 iscritti. Sarà una giornata ricca di presentazioni, demo, interviste, tavole rotonde sui seguenti temi: la sfida della sostenibilità in viticoltura e frutticoltura di montagna, fondovalle, e pianura; specie invasive e cambiamento climatico: l’impatto sull’agricoltura; agricoltura –società: informazione, sicurezza alimentare, convivenza; il ruolo delle nuove soluzioni tecniche e sostanze attive microbiologiche o naturali nella difesa delle colture. Prospettive relative ai prodotti fitosanitari a base biologica: ICT e meccatronica in campo: sensori, app, droni, agricoltura di precisione. La giornata sarà aperta da una presentazione del Prof. Marco Trevisan, dell'Università cattolica del Sacro Cuore e membro GRIFA, sul comportamento dei prodotti fitosanitari nell'ambiente, nelle produzioni e negli alimenti.

Il concorso

Nell'ambito di Future IPM 3.0 è stato promosso il concorso “Che aspetto ha l'agricoltura sostenibile?” riservato agli studenti (di età compresa tra 14 e 20 anni) che frequentano un istituto scolastico di secondo grado con sede in Alto Adige, Trentino o Tirolo. La premiazione del miglior video è in programma nella giornata di lunedì 16 ottobre. Premieranno i due vincitori Andrea Rosalinde Hofer OECD LEED Trento, Valentina Piffer Euregio Tirolo Alto Adige Trentino ed Elena De Lorenzo Fondazione FICO, Bologna.

Altre conferenze scientifiche

Martedì 17 ottobre è in programma una conferenza sponsorizzata dal programma dell’OECD sulla Ricerca Cooperativa sulla Gestione delle Risorse Biologiche per Sistemi Agricoli Sostenibili. Alla conferenza, in inglese, parteciperanno i maggiori rappresentati del mondo scientifico, produttivo ed rappresentanti istituzionali di vari paesi europei. Alle presentazioni seguirà una discussione sulle prospettive dell’agricoltura sostenibile. Nell’ultima parte della settimana, fino a venerdì si terranno due convegni scientifici: uno sulla difesa integrata in viticoltura e uno sui meccanismi di difesa della pianta e sulla qualità biologica del suolo.

Commenti

Post popolari in questo blog

Festival delle Scienze di Roma 2023 - Immaginari

Dal 18 al 23 aprile 2023 il Festival delle Scienze di Roma torna all’Auditorium Parco della Musica “Ennio Morricone” con la sua XVIII edizione. Incontri, conferenze, laboratori. Dal 18 - 23 aprile 2023. IMMAGINARI è il tema di questa edizione dedicata all’immaginazione, uno degli strumenti più potenti che ci permette di concepire opere d'arte, nuove tecnologie e ci consente di trovare soluzioni a problemi quotidiani. La scienza non sarebbe la stessa se non avessimo come alleata l’immaginazione per avviare ricerche e formulare ipotesi, interpretare dati e perseguire risultati migliori. Ed è dalle interazioni delle immaginazioni individuali che emergono gli immaginari condivisi che influenzano il modo in cui organizziamo le società. Oggi più che mai abbiamo bisogno di coltivare questi immaginari, per ripensare il presente e, soprattutto, plasmare possibili futuri. Da mercoledì 19 a sabato 22 aprile quattro incontri anche presso le Biblioteche di Roma, QUI IL PROGRAMMA . Prodotto dall

Lotta agli insetti alieni, Lycorma delicatula: un nuovo flagello della viticoltura mondiale. Uno studio indaga su comportamento e dispersione nell'ambiente

Uno nuovo studio statunitense per contrastare l'avanzata di un nascente insetto alieno candidato a diventare il nuovo flagello della viticoltura mondiale. Si tratta della Lycorma delicatula, un insetto dall'aspetto simile alla coccinella ma che a differenza di questa provoca danni consistenti ai vigneti. La Lanterna macchiata, così come viene chiamata dagli agricoltori, si è diffusa per la prima volta in Corea anche se originaria della Cina e ha già raggiunto, infestandoli, i vigneti della Pennsylvania. La lotta agli insetti alieni non permette soste, la ricerca si sta muovendo velocemente nel contrastare un nuovo flagello destinato a mettere sotto scacco la viticoltura mondiale. Si tratta della Lycorma delicatula, un insetto dall'aspetto simile alla coccinella, gli agricoltori la chiamano Lanterna macchiata, in inglese Spotted Lanternfly. Si è diffusa per la prima volta in Corea anche se è originaria della Cina. Nel 2014 ha raggiunto i vigneti della contea di Berks, in Pen

Scienza, sviluppato dispositivo per misurare il metanolo nel vino

Ricercatori svizzeri hanno sviluppato un dispositivo economico che rileva basse concentrazioni di metanolo nel vino. La nuova tecnologia può essere utilizzata sia da i consumatori che dai produttori ed è in grado di rilevare valori di metanolo in soli due minuti. Perdita di coscienza fino al coma, disturbi visivi fino alla cecità, acidosi metabolica. Sono i segni caratteristici dell’intossicazione da alcool metilico o metanolo. In piccolissime percentuali, l’alcool metilico, è un componente naturale del vino ma che se aumentato dolosamente, provoca danni permanenti, portando anche alla morte. E' bene ricordare che più di trent'anni fa e purtroppo proprio in Italia, si verificò il più grave scandalo nel settore del vino. Si tratta del triste episodio del "vino al metanolo" che nel marzo 1986 provocò 23 vittime e lesioni gravissime a decine di persone come la perdita della vista. Al quel particolare vino erano state aggiunte dosi elevatissime di metanolo per