" you wine magazine: Biofach 2016

venerdì 8 gennaio 2016

Biofach 2016

Biofach 2016 attende 2.400 espositori, focus olio e vegan
Dal 10 al 13 febbraio presso il Centro espositivo di Norimberga, il Biofach, Salone Leader Mondiale degli Alimenti Biologici, sarà il porto d'approdo e il primo indirizzo per i cuochi di professione bio-affini
Alla mostra speciale cook+talk i visitatori professionali potranno scoprire gli ultimi prodotti biologici per la gastronomia e la ristorazione collettiva, nonché lasciarsi ispirare dai trend presentati. Il clou del 2016: le aree dedicate "Pianeta olio d'oliva","Pianeta Vegan" e Pianeta Vino" getteranno un ponte sull'alimentazione fuori casa e la ristorazione collettiva così da offrire un ulteriore plusvalore a espositori e pubblico. A Biofach e Vivaness si attendono nel complesso più di 2.400 espositori, 200 dei quali al Salone Internazionale della Cosmesi Naturale


Nel fare la spesa sempre più persone scelgono il biologico. Però i prodotti ecologici non continuano ad acquistare un'importanza maggiore soltanto a livello individuale e per il consumo casalingo. Oggigiorno, infatti, un terzo dell'intero fatturato ottenuto con i generi alimentari è realizzato al di fuori delle proprie quattro mura. La qualità bio è da tempo un forte fattore di immagine che conquista nuovi ospiti ed è apprezzato dalla clientela abituale. Tuttavia, sia che si tratti di un nuovo approccio o di una proposta biologica esistente, i responsabili della ristorazione si trovano altresì ad affrontare un gran numero di domande e di sfide. Nell'ambito di cook+talk, l'incontro per i cuochi di professione, si discuteranno temi come la certificazione bio, la cucina biologica regionale, il calcolo dei costi, le mense scolastiche, l'hotellerie bio e molti altri aspetti. Il tutto insieme ai rispettivi esperti.

Cook+talk 2016: front cooking, visite guidate e scambio professionale

Il Biofach 2016 ha concepito il programma della mostra speciale cook+talk con il supporto dell'associazione di settore Bioland. Danila Brunner, responsabile delle manifestazioni: "Dopo la première di successo della mostra speciale cook+talk nel 2015, allora organizzata ancora di propria iniziativa dal nostro partner Bioland, per il 2016 abbiamo deciso di sviluppare ulteriormente questo highlight del Biofach. Quale ente organizzatore, in quest'edizione ci impegneremo ancor più nel campo della ristorazione fuori casa e della gastronomia. Di questo engagement farà parte, ad esempio, un più di "cook" in aggiunta al "talk". Quindi nel 2016, oltre al consueto e fondato scambio professionale, ci saranno più attività e vita nell'area espositiva".

Una novità al cook+talk 2016 sarà il front cooking con esperti cuochi biologici (presentato due volte al giorno), ad esempio con Daniel Kluge, lo chef di cucina degli Autostadt-Restaurants operated by Mövenpick (Ristoranti dell'autocity di Wolfsburg operated by Mövenpick). Una volta al giorno si svolgeranno inoltre visite guidate agli stand degli espositori BIOFACH che propongono confezioni industriali. Il programma collaterale comprenderà altresì tavole rotonde su tematiche di attualità come, ad esempio: "Gli onesti sono gli stupidi? Certificazione bio come garante di successo" o "Hamburger bio per tutti", nonché sulla regionalità. Qui discuteranno, tra gli altri, anche esponenti di alto livello di associazioni internazionali di cuochi. Parimenti nel focus: la presentazione di progetti e di studi, le strategie per un'introduzione di successo degli alimenti biologici nei comuni, il tema della sostenibilità come competenza chiave per i cuochi di professione, nonché il bio nelle scuole e negli asili a tempo pieno.

Pianeta Olio d'oliva: gli extravergini biologici e il loro impiego nella ristorazione fuori casa

Viste le numerose proprietà positive attribuite all'olio d'oliva biologico, questo prezioso prodotto potrebbe essere impiegato nella ristorazione fuori casa in maniera ancor più massiccia di quanto fatto finora. Tuttavia, mentre la distribuzione si concentra direttamente sul cliente finale, la ristorazione fuori casa richiede altre strategie di commercializzazione: i cuochi di grido cercano impulsi e ingredienti complementari per le loro creazioni, i responsabili delle grandi aziende e delle cliniche si interessano anche ad aspetti specifici per la salute, oltre che a quelli del gusto... Riconosciuto questo approccio, produttori e commercio possono appunto sfruttare i vantaggi deglioli d'oliva biologici per aprirsi nuovi mercati al di fuori del dettaglio specializzato. Di ciò possono approfittare sia i piccoli produttori di olio d'oliva con le loro specialità, sia i grandi produttori di qualità bio in quantità di massa.

Il Biofach 2016 partirà proprio da qui gettando un ponte tra il Pianeta olio d'oliva e il tema della ristorazione fuori casa. Insieme al partner ed esperto del prodotto Richard Wolny, l'area dedicata offrirà nuovamente informazioni e ispirazioni sull'olio d'oliva proveniente da coltivazione biologica. Oltre al premio dedicato all'olio d'oliva biologico "Olive Oil Award", il programma abbraccerà altresì numerose presentazioni, tavole rotonde e conferenze.

A tal proposito al Pianeta olio d'oliva sarà dato spazio tanto agli ultimi metodi di analisi del prodotto quanto a interessanti food pairing che saranno ricca fonte di ispirazione. Nel food pairing si parte dal presupposto che gli alimenti si accostano al meglio l'uno all'altro quanto più componenti chimici hanno in comune: la cioccolata bianca, ad esempio, si abbina benissimo al caviale. Al Pianeta olio d'oliva il Biofach presenterà perciò le avvincenti combinazioni cui si presta il prodotto (anche nella ristorazione).

Pianeta Vegan: stile di vita vegano in continuo boom

Secondo gli esperti la domanda di prodotti bio vegani è in continuo aumento. Infatti, il bio e il vegan sono in stretta correlazione tra loro. Il trend dello stile di vita vegano è appannaggio della più giovane delle aree dedicate: il Pianeta Vegan la cui première è stata festeggiata nel 2015. Così come al Pianeta olio d'oliva e al Pianeta Vino, i visitatori professionali scopriranno qui ben più di una semplice esposizione di prodotti. Nello spazio riservato si cucinerà, si assaggerà e si discuterà di aspetti tecnici. Partner del Pianeta Vegan è il Vegetarierbund – VEBU (Associazione vegetariana tedesca).

Molti consumatori che hanno abbracciato lo stile di alimentazione vegano danno importanza anche alla reperibilità dei prodotti bio-vegani nel fuori casa. Anche qui, infatti, si denota sempre più spesso la richiesta di cibi privi di ingredienti di origine animale. Cuochi e avventori possono approfittare di questo trend nella stessa misura, il tutto dalla mensa fino al ristorante di alto livello. I potenziali creativi per la ristorazione collettiva saranno trattati al Pianeta Vegan nel corso di conferenze specialistiche e di degustazioni orientate alla prassi. Gli highlight del programma: show di cucina e assaggi di smoothie, tavole rotonde, brevi presentazioni, letture e numerose opportunità di networking con svariate iniziative e organizzazioni del settore.

Pianeta Vino: partner forti, prodotti premiati e i vini che si sposano alla perfezione con il menu bio

Qui si presenteranno al pubblico professionale viticoltori di tutto il mondo. Nell'area riservata alla degustazione, la Vinothek,si potranno assaggiare sia i loro prodotti d'annata sia i vincitori del Concorso internazionale del vino biologico Mundus Vini Biofach. Quest'ultimo è organizzato in pluriennale partnership con la casa editrice Meininger. Una novità del 2016 saranno le presentazioni tabletop e la Vinothek, così come Ecovin quale partner del Pianeta Vino.

Al fine di permettere una preparazione ottimale della visita, a partire da questa settimana si potrà accedere al programma completo dei due saloni, aree dedicate e mostra speciale cook+talk comprese, consultando i seguenti link: www.biofach.de/programme o www.vivaness.de/programme